Politica

Il "No" vince ancora: salta la fusione tra Roncà e San Giovanni Ilarione

In totale il 75.60% dei votanti dei due paesi, 3119 persone, ha espresso il proprio parere contrario, mentre in 1007 (il 24.40%) domenica 21 gennaio avevano dato il proprio "Si" all'unione tra i due enti locali

Dopo il no di Caldiero e Belfiore, anche San Giovanni Ilarione e Roncà hanno deciso di non procedere con la fusione tra i due comuni. Il referendum si è tenuto nella giornata di domenica 21 gennaio e ha chamato alle urne i cittadini dei paesi interessati, con l'affluenza alle urne che a Roncà ha superato di poco il 39%, mentre a San Giovanni è arrivata al 69.76%. 

E proprio in quest'ultimo comune, dove un maggior numero di persone si è recato ad esprimere la propria preferenza, si è vista la vittoria schiacciante del fronte dei contrari, che ha toccato il 91.59%, con 2646 voti, mentre i favorevoli sono stati solamente 243, ovvero l'8.51%. A Roncà invece i 764 "Si" hanno rappresentato il 61,76% delle persone che si sono recate alle urne, mentre i "No" hanno collezionato 473 voti, ovvero il 38,24%. 
Complessivamente quindi sono stati 3119, il 75.60% dei votanti, ad opporsi alla fusione tra i due comuni, mentre 1007 persone, il 24.40% ha espresso il proprio parere favorevole.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il "No" vince ancora: salta la fusione tra Roncà e San Giovanni Ilarione

VeronaSera è in caricamento