Politica Centro storico / Piazza Bra

Protesta dei ristoratori a Verona, l'On. Ciro Maschio: «Azione legale contro il governo»

«Il governo ha preso in giro e massacrato i ristoratori», afferma il presidente del Consiglio comunale di Verona, nonché deputato scaligero di Fratelli d'Italia Ciro Maschio

Zona gialla "rafforzata" dal divieto di spostamento tra Regioni in tutta Italia, ma a Verona prosegue anche oggi la protesta dei ristoratori e la relativa serrata dei locali, nonostante la possibilità per due giorni di effettuare il servizio al tavolo fino alle 18. Dopo la solidarietà ai gestori di bar e ristoranti giunta nelle scorse ore da parte dell'ex sindaco Flavio Tosi, anche il presidente del Consiglio comunale Ciro Maschio in una nota fa sapere di appoggiare la protesta: «Il governo ha preso in giro e massacrato i ristoratori - spiega il deputato e coordinatore di Fratelli d'Italia Ciro Maschio - prima imponendo loro adeguamenti, poi facendoli chiudere, a fronte di ristori assolutamente ridicoli e insufficienti».

Fratelli d’Italia si dice a fianco dei ristoratori nella protesta di questi giorni contro il governo anche con l'altro suo esponente scaligero Leonardo Ferrari: «Da ristoratore, oltre che da capogruppo in Consiglio comunale a Verona, - dichiara Leonardo Ferrari - sono a fianco di tutti i miei colleghi imprenditori che gestiscono attività di ristorazione. Continuare così è impossibile. Questo piano delle chiusure e aperture a singhiozzo comunicato senza adeguato preavviso ci danneggia non solo economicamente ma anche psicologicamente. Bar e ristoranti hanno bisogno di una precisa pianificazione della propria attività, non solo per la gestione del personale ma sopratutto per effettuare gli approvvigionamenti di materie prime fresche. Parliamo di prodotti velocemente deteriorabili. L'incertezza creata dal governo è un ulteriore danno alla nostra categoria e a tutto il settore ricettivo».

Il deputato veronese di Fratelli d'Italia Ciro Maschio ha quindi aggiunto: «Col gruppo parlamentare abbiamo promosso un’iniziativa nazionale e locale per un’azione legale cumulativa contro il governo Conte. I ristoratori e gli esercenti che vorranno avvalersi del sostegno di FDI nell’azione giudiziaria contro il governo dovranno solo mandare il mandato ai legali del partito di Giorgia Meloni, che si farà carico delle spese, inviando una mail a sosristoranti.fdi@gmail.com».

Sempre con riferimento ai due giorni di zona gialla "rafforzata" e poi però le incognite sul futuro, non sono mancate le critiche al governo anche dal fronte leghista. A Verona, infatti, l'assessore al Commercio Nicolò Zavarise ha diramato una breve nota nella quale spiega: «Quasi nessuno riaprirà, le spese sarebbero di gran lunga superiori agli incassi e gli esercenti, che non si possono permettere di sprecare risorse, non avrebbero alcuna convenienza. Ancora una volta, - conclude l'Ass. al Commercio del Comune di Verona Nicolò Zavarise - il governo si dimostra distante dalla realtà imprenditoriale e inconsapevole di come si faccia impresa. Programmazione e progettualità sono indispensabili per la gestione del personale, delle risorse, degli investimenti e delle materie prime».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta dei ristoratori a Verona, l'On. Ciro Maschio: «Azione legale contro il governo»

VeronaSera è in caricamento