Arena e Ariosi Management, Salemi: «Silenzio del sindaco disarmante»

La consigliera di Civica per il Veneto ha annunciato un'interrogazione per ottenere risposte sul possibile coinvolgimento della fondazione veronese nell'inchiesta dalla procura di Torino sul Teatro Regio e i sui rapporti con l'agenzia di spettacoli svizzera

Orietta Salemi (Foto di repertorio)

«La Fondazione Arena ha operato in modo da garantirsi la totale libertà di movimento nello scritturare gli artisti? Come vengono impegnati i contributi pubblici e privati visto che il personale è in cassa integrazione "forzata" e i costi di produzione sono drasticamente ridotti per l'assenza di una vera progettualità? Troppe nubi si addensano e il silenzio di sindaco e soprintendente è disarmante». Con queste parole la consigliera regionale di Civica per il Veneto Orietta Salemi ha annunciato la presentazione di un'interrogazione in Regione Veneto per chiedere una verifica sulla Fondazione Arena di Verona. In particolare, Salemi vuole ottenere risposte su due questioni: la prima è il possibile coinvolgimento anche dell'ente veronese nell'inchiesta aperta dalla procura di Torino sul Teatro Regio e i sui rapporti con Ariosi Management; la seconda è l'impiego dei circa 22 milioni di euro di contributi pubblici e privati, quest'anno comunque garantiti.

«Questa estate veronese segna tempo incerto sulla Fondazione Arena: l'assenza di progetti e l'ombra lunga dell'inchiesta di Torino anche su Verona non ci fanno dormire sonni tranquilli - scrive Salemi - Se davvero il nostro ente lirico è finito nelle maglie spregiudicate dell’agenzia posta sotto indagine, significa che il management non è stato in grado di opporsi al pericoloso regime di monopolio esercitato da Ariosi sul sistema di ingaggio degli artisti. E, a questo riguardo, l’interrogativo è: la Fondazione Arena ha differenziato la domanda sul mercato? Ha scelto più circuiti per selezionare solisti, cantanti, direttori d’orchestra? Insomma ha operato in modo da garantirsi totale libertà di movimento nei contratti di scrittura e qualità artistica a costi proporzionati? La città, la Regione, il Ministero hanno diritto a risposte chiare e inequivocabili».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La consigliera regionale, inoltre, punta l'attenzione sul bilancio della Fondazione. «È operazione semplice, persino elementare - spiega - Così si imparava un tempo a scuola: "guadagno = ricavo - spesa". Ora, basandoci all'incirca sul pregresso dei bilanci di Fondazione Arena i conti sono presto fatti: i contributi dei soggetti pubblici e privati, garantiti anche per quest’anno, ammontano a circa 22 milioni e mezzo di euro. Il personale rappresenta certamente un costo significativo, ma per il 2020 l'uscita di bilancio si ritara di milioni di euro perché i lavoratori sono da circa quattro mesi in cassa integrazione. Altrettanto dicasi per i costi di produzione ridotti drasticamente, da fine febbraio del Filarmonico fino a tutta la stagione lirica in Arena, dati i mancati allestimenti e le mancate spese per i cachet artistici. Idem per i milioni di euro dei costi per servizi. Di vere e proprie produzioni non si vede neppure l'abbozzo, fatta eccezione per il minimal festival di luglio/agosto in anfiteatro. Certo, mancano i 25 milioni di euro circa di ricavi tra biglietti e abbonamenti. Ma torniamo alle formule aritmetiche: se vengono a mancare le due voci di uscita principali, cioè i costi del personale e della produzione e servizi, come vengono impiegati i contributi versati dai soci pubblici e privati in questo 2020? Quale investimento si prevede per reinventarsi e non spegnere la musica? I teatri più prestigiosi d’Europa stanno brillando per impegno e creatività, consentendo alle proprie professionalità di esprimersi e al pubblico di fruire di forme di programmazione certo d’emergenza, ma diffuse ed en plein air, complice l’arrivo della bella stagione. A Verona, invece, soffia una brutta aria di tempo instabile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Tamponi a studenti e personale scolastico: ecco l'app per le prenotazioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento