Fondazione Arena, Gennari contro la privatizzazione: "Il settore resti pubblico"

Il candidato sindaco alle prossime elezioni per il M5S Alessandro Gennari attacca il legale rappresentante della cordata di imprenditori che punterebbe alla privatizzazione: "L'avv. Lambertini spera in un rilancio della Fondazione Arena oppure si augura il suo fallimento?"

Aida - foto Ennevi

"L’avvocato Lambertini spera in un rilancio della Fondazione Arena oppure si augura il suo fallimento?". È quanto si chiede Alessandro Gennari, candidato sindaco per il Movimento 5 Stelle, a seguito della lettera "di auguri" giunta al sovrintendente Polo da parte del legale che rappresenta la cordata di imprenditori che puntano alla "privatizzazione" della lirica e firmata anche dall'imprenditore Giuseppe Manni e dall’avvocato Giovanni Maccagnani.

"Una lettera dai toni ambigui - prosegue Gennari - che arriva del resto da parte di chi fino a poco tempo fa su un video circolato in rete denigrava pesantemente il lavoro e la professionalità delle maestranze di Fondazione Arena. Se Lambertini in passato dichiarava di voler diminuire il personale oggi si preoccupa di chi salvaguarderà i loro posti di lavoro e l’indotto economico della città se la stagione non dovesse funzionare. Vogliamo ricordargli che non sarà sicuramente il suo imbarazzante e lacunoso progetto di privatizzazione a salvare i posti di lavoro, l’indotto o la stagione, bensì il rilancio di una Fondazione Arena che dovrà restare pubblica, così come prevede la legge e come sta giustamente perseguendo il sovrintendente Polo. Linea che il Movimento 5 Stelle condivide e vuole ulteriormente rafforzare con il suo programma per le prossime amministrative. Facciamo quindi i migliori auguri all’avvocato Lambertini per le eventuali lecite rimostranze dei lavoratori di Fondazione Arena che dovessero giungergli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

  • Droga, cellulari, manette e armi in casa: 38enne della Bassa arrestato

Torna su
VeronaSera è in caricamento