Tosi dopo il referendum: "Lega e FdI mentono, occorre una legge elettorale"

"Hanno affossato una Riforma che era condivisa dal centrodestra, che era nata dal Patto del Nazareno con l'accordo tra Renzi e Berlusconi", ha detto il primo cittadino di Verona

Lega e FdI mentitori seriali sulla Riforma costituzionale ed incoerenti sulla richiesta di voto immediato. Mentono infatti quando affermano che la Riforma costituzionale avrebbe inserito ulteriori vincoli verso l'Unione Europea: il vincolo del pareggio di bilancio e la subordinazione alla Commissione Europea (art. 81 della Costituzione vigente) non solo fu da loro condiviso (con Giancarlo Giorgetti relatore) ma anche Giorgia Meloni votò a favore. Lega e FdI hanno affossato una Riforma che era condivisa dal centrodestra, che era nata dal Patto del Nazareno con l'accordo tra Renzi e Berlusconi: infatti Forza Italia la sostenne entusiasticamente al primo passaggio al Senato, tanto che alla prima votazione in aula non ci fu alcun voto contrario! Lega e FdI inoltre volutamente dimenticano anche che la Riforma aveva come co-relatori in Commissione al Senato Anna Finocchiaro e Roberto Calderoli, il quale, con la Finocchiaro, ha collaborato alla stesura del testo. Ora Lega e FdI vorrebbero votare subito con l'attuale legge elettorale: così non vincerebbe nessuno e si renderebbe necessario l'ennesimo inciucio per formare il futuro Governo. Attaccano Paolo Gentiloni perché sarebbe l'ennesimo Premier non eletto dai cittadini, ma il loro No alla Riforma e la richiesta di voto immediato, porterebbero ad un futuro Presidente ancora una volta non scelto dagli elettori. Riteniamo quindi che contribuire a scrivere un nuovo sistema elettorale che garantisca un vincitore certo alle prossime tornate – e quindi la governabilità – sia un dovere di tutte le forze politiche, di quelle del centrodestra in primo luogo. Per questo noi di Fare! cercheremo di dare il nostro contributo in tal senso e ci confronteremo con la maggioranza sui provvedimenti più importanti, cercando da minoranza responsabile e seria di portare il nostro contributo, rifiutando poltrone e posti di potere, ma rifuggendo altresì la politica dell'insulto e del "tanto peggio, tanto meglio", anteponendo invece il superiore interesse nazionale a quello di partito.

Queste le dichiarazioni del sindaco di Verona e segretario di Fare! Flavio Tosi, sulla situazione della politica italiana che si è delineata dopo il referendum costituzionale del 4 dicembre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

  • Forti temporali attesi in Veneto: stato di attenzione anche nel Veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento