Politica Centro storico / Piazza Bra

Grandi opere. Tosi ottimista, ma non sul traforo. Bertucco: "È stato un flop"

Il sindaco di Verona è convinto di poter far partire sia il filobus che la riqualificazione dell'Arsenale e sul traforo incolpa la crisi. Ma l'opposizione non ci crede

Il Consiglio comunale di venerdì 29 aprile ha approvato l'ultimo bilancio di previsione dell'era Tosi, bilancio che contiene tre voci riguardanti tre opere promesse dal sindaco di Verona: il filobus, la riqualificazione dell'Arsenale e il traforo. Sulle prime due il sindaco è ottimista, nelle prossime settimane sarà scelto definitivamente il mezzo che viaggerà per le vie della città, mentre entro la fine del 2016 i lavori per rinnovare l'Arsenale potrebbero essere aggiudicati a Italiana Costruzioni. Discorso diverso per il traforo, dove Tosi spera di trovare aziende in grado di realizzarlo, ma in questo periodo non è facile.

C'è poco da essere ottimisti per l'opposizione, con il capogruppo Pd in Consiglio comunale Michele Bertucco che scrive: "Il traforo non si farà, il filobus è fermo al primo stralcio, sull’arsenale c’è una proposta ancora molto vaga mentre il monumento continua a cadere a pezzi, il piano degli interventi è stato un flop per stessa ammissione dell’amministrazione". Bertucco chiama in causa anche la vicenda dell'ex vicesindacon Giacino, recentemente condannato anche in appello: "La verità giudiziaria ci dice che la gestione del territorio ha assunto tratti di vera e propria devianza, e personalmente resto convinto che Giacino non poteva fare da solo tutto ciò che ha fatto".

E anche il M5S dall'opposizione ritiene che questa amministrazione non vedrà realizzata nessuna delle tre grandi opere a bilancio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grandi opere. Tosi ottimista, ma non sul traforo. Bertucco: "È stato un flop"

VeronaSera è in caricamento