Ferroli, Croce attacca: "Se confermano gli esuberi, boicotteremo i loro prodotti"

"Quello proposto dalla nuova proprietà dell'azienda non è degno di chiamarsi 'piano industriale', la definizione giusta è 'massacro sociale'", ha detto il fondatore di Verona Pulita che chiede anche l'intervento del Governo

"Quello proposto dalla nuova proprietà della Ferroli non è degno di chiamarsi 'piano industriale', la definizione giusta è 'massacro sociale'. Tagliare la metà dei 1200 lavoratori, di cui solo 400 a San Bonifacio, non è solo una scelta superficiale e insensata ma profondamente sbagliata in termini di prospettiva: come si può pensare di rilanciare un'azienda sul piano internazionale tagliando di netto e in modo lineare metà della forza lavoro? Se questa sarà la scelta definitiva sappiano che noi inizieremo una campagna di boicottaggio dei loro prodotti: non si scherza sulla vita dei veronesi".

Michele Croce, candidato sindaco di Verona Pulita, attacca la scelta dei fondi Oxy e Attestor di dimezzare la forza lavoro della Ferroli.

"Quella che si prospetta è un'emergenza sociale. Chiediamo l'intervento tempestivo del Governo e il rinnovo straordinario della cassa integrazione. I miei bambini avrebbero proposto un piano di rilancio molto più serio e credibile: Verona Pulita non permetterà che nemmeno uno dei 600 licenziati rimanga per strada e senza tutele: queste persone che ci ostiniamo a chiamare manager non riescono a capire che non si tratta di numeri ma di vite, di famiglie, di sogni e di dignità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • Rapina finita nel sangue: chiude il centro del paese per ricostruire l'omicidio

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

Torna su
VeronaSera è in caricamento