Politica Centro storico / Piazza Bra

Bollo auto. Tosi spinge per l'abolizione: "È giusto che chi inquina paghi"

La proposta è stata rilanciata dal Presidente del Consiglio ed è stata avanzata dal deputato tosiano Roberto Caon. "Alle parole seguino i fatti" ha commentato Marco Marcolin di Fare!

L'idea è stata rilanciata mercoledì 4 maggio dal presidente del consiglio Matteo Renzi: abolire il bollo, aumentando le accise sulla benzina; una proposta avanzata dal deputato tosiano Roberto Caon. Un'apertura da parte del Premier che ha fatto storcere il naso anche all'interno del Pd. Chi non è favorevole obietta che il bollo è legato al tipo di macchina e chi ha un'auto di lusso paga di più rispetto a chi ha un'utilitaria. L'aumento delle accise invece riguarda tutti, ricchi e poveri.

Il sindaco di Verona Flavio Tosi sottolinea invece il principio alla base di questa proposta: "Chi inquina, paga. Pagherebbero giustamente i turisti e i camionisti stranieri, e questo consentirà alle nostre famiglie e alle nostre aziende un risparmio medio annuo superiore al 50 per cento. La nostra proposta andrebbe anche a eliminare le frodi fiscali sul mancato pagamento del bollo e andrebbe a stroncare il fenomeno delle reimmatricolazioni con targa estera, una pratica che ha assunto proporzioni enormi e che ogni anno sottrae allo Stato circa mezzo miliardo di euro. Infine, essendo la percorrenza media di un automobilista italiano intorno ai 12 mila chilometri l'anno, il costo sostitutivo del bollo sarebbe in di circa 100 euro".

"Adesso auspichiamo che alle parole facciano seguito i fatti e che il governo porti avanti la nostra proposta di legge per abolire una tassa tanto odiata", ha commentato il deputato di Fare! Marco Marcolin.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollo auto. Tosi spinge per l'abolizione: "È giusto che chi inquina paghi"

VeronaSera è in caricamento