menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Palazzo Barbieri, sede del Comune di Verona

Palazzo Barbieri, sede del Comune di Verona

Elezioni a Verona, sondaggio con vista sul 2022: Sboarina in testa, ma Tommasi sorprende

L'indagine svolta da Arcadia vede 1 intervistato su 2 giudicare negativamente l'operato dell'amministrazione, ma l'attuale sindaco raccoglie comunque la percentuale di preferenze più alta, seguito dall'ex calciatore come ipotetico candidato del centrosinistra e da Tosi

Nei giorni scorsi erano arrivate le prime comunicazioni di Lega e Partito Democratico in vista delle elezioni che si terranno a Verona nel 2022, mentre nel mese di ottobre 2020 l'agenza Fabbrica Politica aveva elaborato un primo sondaggio sulla qualità della vita nel capoluogo scaligero e Traguardi aveva lanciato un laboratorio di idee in vista della tornata elettorale. 
In questi giorni è stata l'agenzia Arcadia srl a presentare i risultati di un'indagine svolta dal 20 al 22 gennaio 2021, intervistando 800 cittadini veronesi, mentre 3238 si sono rifiutati. La stessa agenzia spiega che il campione riguardava "maschi e femmine dai 18 anni in su, segmentato per sesso, età, titolo di studio, proporzionalmente all’universo della popolazione veronese". 
Ma cosa ci dice questo sondaggio?

Qualità della vita a Verona

«Negli ultimi 5 anni, secondo lei la qualità della vita a Verona è...» peggiorata secondo il 42% degli intervistati (di cui la tabella sotto mostra le varie fasce) e rimasta sostanzialmente uguale per il 46%, mentre solo il 12% parla di evidenti migliorie e il 4% non ha saputo esprimersi. 

1-4-35

Operato dell'amministrazione

«Come valuta l'operato dell'amministrazione comunale in carica?». Se il 29% lo ha commentato positivamente, il 47% ha invece espresso un parere negativo. 

2-3-28

Conoscenza degli esponenti politici

«Ora le leggerò i nomi di alcuni protagonisti della politica veronese. Mi può dire, se li conosce?». I più conosciuti rimangono l'attuale sindaco Federico Sboarina e l'ex Flavio Tosi, divisi da pochi punti percentuali, mentre Michele Croce di Prima Verona è tallonato dal possibile candidato del centrosinistra Damiano Tommasi. Più staccati Casali e Zavarise. 

3-2-27

Fiducia negli esponenti polici

«Ora le leggerò i nomi di alcuni protagonisti della politica veronese. Mi può dire quanta fiducia ha in loro?». A sorpresa è prioprio Damiano Tommasi a conquistare l'81% degli intervistati (in proiezione 4 veronesi su 5 essendo però conosciuto da 1 su 2), mentre Sboarina è ben staccato al terzo posto (55%), superato anche da Tosi (57%). 

4-3-20

Intenzioni di voto: primo scenario

«Si immagini ora di essere nella cabina per eleggere il nuovo sindaco di Verona. Lei chi voterebbe in questo primo scenario tra...». Con il sostegno di Fratelli d'Italia, Lega, Verona Domani, Forza Italia e liste civiche, l'attuale primo cittadino resta in vetta ai consensi con il 35.5%, seguito dalla coaliazione di centrosinistra (Partito Democratico, Verdi, Più Europa, Traguardi e liste civiche) guidata ipoteticamente proprio da Tommasi, che tocca il 28%. Terzo per preferenze Flavio Tosi (26.8%), più staccato Michele Croce (Prima Verona, comitati no filobus e civiche) con il 5.1% e Marta Vanzetto, ipotetica candidata per il Movimento 5 Stelle, con il 2.6%.

5-2-19

Intenzioni di voto: secondo scenario

«Si immagini ora di essere nella cabina per eleggere il nuovo sindaco di Verona. Lei chi voterebbe in secondo scenario tra...». Questa seconda ipotesi vede Sboarina correre senza il supporto della Lega e ottenere comunque il maggior numero di consensi con il 30.9%, seguito sempre da Tommasi (28.2%) e Tosi (26%). Quarto ancora Michele Croce (5.4%), mentre l'ipotetico candidato del Carroccio Nicolò Zavarise ha raccolto il 4.8% dei consensi degli intervistati. Sempre a 2.6% Marta Vanzetto per il Movimento 5 Stelle. 

6-3-13

Flusso di voto Europee 2019 - Comunali 2022

Queste le preferenze degli intervistati, suddivisi in base al voto delle ultime elezioni europee. 

7-2-12

Conclusioni

Nonostante dunque poco più di 1 un intervistato su 10 consideri migliorata la qualità della vita a Verona negli ultimi 5 anni e 1 su 2 giudichi negativamente l'operato dell'Amministrazione, il sindaco Sboarina rimane primo per percentuale di preferenze anche senza il supporto della Lega, indicata a meno del 5%. 
Sorprende la grande fiducia in Damiano Tommasi, indicato come candidato per il centrosinistra, che si confermerebbe come seconda forza politica del capoluogo davanti a Tosi, mentre Michele Croce (con un 5% che supererebbe il risultato elettorale del 2017) fungerebbe ancora una volta da ago della bilancia in un eventuale ballottaggio. 

Scarica la presentazione di Arcadia del sondaggio sulle elezioni comunali a Verona nel 2022

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento