rotate-mobile
Elezioni

Lega. Comencini, Grassi e Corsi "all'assalto" del Consiglio comunale di Verona

Alle prossime elezioni tre saranno presenti nella lista del Carroccio che sostiene la corsa di Federico Sboarina al suo secondo mandato. Ufficializzata anche la ricandidatura di Alma Ballarin come presidente dell'Ottava Circoscrizione

La data del 12 giugno, quando anche a Verona si terranno le elezioni amministrative, si avvicina e la campagna elettorale entra dunque sempre più nel vivo. Tra venerdì e sabato la sezione scaligera della Lega ha presentato alcuni dei candidati più in vista che saranno presenti nella lista a sostegno del sindaco uscente Federico Sboarina: il 6 maggio è toccato infatti al deputato Vito Comencini e alla capogruppo Anna Grassi, mentre il 7 è toccatto all'ex assessore e presidente di Circoscrizione Enrico Corsi, oggi consigliere regionale. 
Non solo. Il Carroccio ha anche ufficializzato l'entrata tra le sue file di Alma Ballarin, oggi presidente dell'Ottava Circoscrizione che corre per la rielezione. 

Comencini e Grassi

Vito Comencini e Anna Grassi hanno ufficializzato la loro ricandidatura nella mattinata di venerdì, con una conferenza stampa che si è tenuta al Liston 12 e che ha visto la partecipazione del vicesegretario federale Lorenzo Fontana, del responsabile elettorale Federico Bricolo, del presidente di Acque Veronesi Roberto Mantovanelli, e in rappresentanza della Lega Giovani del coordinatore regionale Edoardo Bonato e del coordinatore provinciale Mattia Stoppato.

«Coerenza, forti ideali e una passione autentica per la nostra città. Sono i principali valori che hanno guidato la nostra attività politica e che ci spingono oggi a ricandidarci alle elezioni amministrative - hanno esordito Comencini e Grassi -. In questi anni abbiamo sempre fatto sentire la nostra voce nelle istituzioni, a tutti i livelli, nell’interesse dei veronesi e della nostra città. Tutto questo è stato possibile grazie alla Lega, che consideriamo da sempre una seconda famiglia».

«Vito e Anna sono due giovani liberi e identitari. Sono stati all’altezza del loro compito in questi cinque anni e rappresentano un importante valore aggiunto per Verona e per la Lega. Essere identitari è una garanzia per battaglie importanti come ad esempio quelle contro l’immigrazione incontrollata e l’ideologia gender, a favore invece della difesa della vita e della famiglia naturale. Aspetti questi che devono guidare anche l’azione amministrativa nella nostra città» ha sottolineato Fontana.

WhatsApp Image 2022-05-06 at 17.26.38-2

«La Lega negli anni è cambiata ma è riuscita a mantenere radici solide e forti valori – ha aggiunto Bricolo –. I nostri giovani hanno dimostrato in questi anni di avere un attaccamento particolare agli ideali ed essere sempre presenti quando conta, tra la gente e sul territorio. Vito è anche parlamentare e questo ci consente di far valere a Roma le istanze delle imprese e delle famiglie veronesi. A parlare sono i risultati ottenuti. Ad esempio a sostegno della Fiera e dell’Arena. Anna ha dimostrato capacità di tenere unito il gruppo e di portare avanti le iniziative della Lega in Consiglio Comunale. La loro esperienza e il loro entusiasmo saranno fondamentali nei prossimi anni».

«Essere sul territorio e allo stesso tempo in Parlamento è importante perché mi dà la possibilità di incidere nell’azione di Governo, conoscendo da vicino le esigenze dei veronesi. Questa è la forza della Lega. Affronterò questa nuova sfida, ancora una volta assieme ad Anna Grassi, al fianco del sindaco Federico Sboarina, per costruire la Verona del futuro» ha evidenziato Comencini.

«Vorrei partire dal motto che abbiamo scelto per la campagna elettorale e che ci rappresenta: giovani, liberi, identitari. Giovani come la Lega Giovani di Verona che ha deciso di sostenerci e che per questo ringraziamo. Liberi perché in questi cinque anni di amministrazione non sempre facili, anche a causa del Covid, siamo andati avanti con progetti importanti, in particolare nell’ambito urbanistico, che stanno cambiando l’assetto della città. Possiamo camminare a testa alta, consapevoli di aver lavorato nella legalità e nella trasparenza. Identitari perché i nostri valori non possono essere in balia degli eventi e non sono negoziabili» ha concluso Grassi.

Corsi

Nella stessa location, ma nella mattinata di sabato, Enrico Corsi ha presentato la sua candidatura al Consiglio comunale con la Lega.

«Cari Cittadini, tutto è partito da qui, dal nostro territorio - ha ricordato Corsi -. In questo luogo che si fonda su valori, identità e relazioni con le persone, ho costruito la mia esperienza politica. Per Verona, in 10 anni da presidente di Circoscrizione e 8 anni da assessore al Turismo, Commercio e Infrastrutture, e per il Veneto, in 4 anni da consigliere Regionale, ho amministrato con la consapevolezza che ascoltarvi, risolvere i vostri problemi e parlare con i fatti, conta più di ogni cosa. Abbiamo bisogno di creare un modello regionale che permetta ai giovani di crescere, che metta in rete il mondo dello Sport, della Scuola e dell’Università con quello del lavoro.
Da presidente di Circoscrizione, ho riqualificato le piazze di ogni frazione del territorio, realizzato nuove piste ciclopedonali e vari percorsi collinari. Ho sistemato e ricostruito alcuni edifici scolastici e impianti sportivi e avviato molte nuove iniziative culturali, in collaborazione con le Associazioni del territorio. È importante oggi far sì che Verona diventi sempre più una comunità protagonista in Veneto e che il nostro territorio sia considerato il luogo ideale in cui vivere. Amo Verona e sono consapevole che deve essere valorizzata e salvaguardata perché rimanga un grande patrimonio per tutti noi. Porto quindi la mia esperienza al vostro servizio per una Verona protagonista. In questi anni ho sempre lavorato con determinazione, onestà e coerenza.
Poiché sono sempre stato abituato a parlare con i fatti, ricordo alcune delle opere che ho realizzato: completamento della strada provinciale SP6 dei Lessini in Valpantena, nuovo piazzale davanti alla Stazione Porta Nuova, parcheggi per oltre 2.000 posti auto in città a Borgo Trento, Arsenale, ex gasometro, Cittadella, nuovi attraversamenti pedonali a led, infopark per conoscere i posti disponibili in tempo reale, 20 ciclostazioni per il bike sharing con oltre 300 biciclette, mercatini di Natale – riportando il turismo in città anche nel periodo invernale –, mercatini dell’antiquariato in Piazza San Zeno e a km 0 con i prodotti agricoli direttamente dal produttore al consumatore, luminarie nelle vie cittadine, monitor e segnaletica nelle vie cittadine e il sito web in quattro lingue per il comparto turistico, bus turistico rosso a due piani e trenino turistico, plateatici per le attività di ristorazione, stalli giallo blu riservati ai cittadini
».

IMG_9874-2

Il consigliere regionale ha elencato anche i molti progetti che vuole portare avanti per la città: «Come Muvin, il più grande museo del vino d’Italia, un Vinitaly aperto tutto l’anno che decreti Verona Capitale Enologica d’Italia, i mulini nell’Adige per ritornare a vivere le nostre tradizioni che valorizzano una grande risorsa qual è il nostro fiume, la Walk of Fame della Lirica, con le mattonelle nelle vie dello shopping cittadino, Verona capitale mondiale dell’amore per mettere in rete le nove città del mondo con storie simili a quella di Romeo e Giulietta, una banca dati regionale delle nostre tipicità gastronomiche per valorizzare le tradizioni culinarie. E ancora, un progetto per portare in città, Valpolicella e Lessinia i 14 milioni di presenze turistiche sul Lago di Garda, arredi floreali su tutti i ponti cittadini, Verona città della Musica come Parigi e molte città europee, con esibizioni nei vari angoli cittadini, prima ora di parcheggio gratuito in città a chi acquista o consuma per una spesa di 30 euro, realizzazione di un centro commerciale naturale per mettere in rete le oltre mille attività del centro storico».

Infine, ha sottolineato l’importanza nel sostenere i quartieri per la sua idea di una Verona protagonista: «Installazione di nuove telecamere e presenza del vigile di quartiere per contrastare la microcriminalità e i furti nelle abitazioni, valorizzazione dei percorsi ciclopedonali e collinari lungo le dorsali, sistemazione delle strade bianche collinari con nuove asfaltature e delle strade e dei marciapiedi ammalorati nelle frazioni, manutenzione delle aree verdi e parchi gioco con sfalcio del manto erboso nel periodo estivo, interventi di mitigazione del rischio idrogeologico a causa del cedimento di muri e strade del territorio e per la salvaguardia da allagamenti ed esondazioni dovute alle piogge estive, sistemazione, realizzazione di centri sportivi e di aggregazione per giovani e per anziani e del Parco delle Risorgive e collaborazione con le Associazioni di categoria del territorio per l’organizzazione di eventi culturali».

Ballarin per l'Ottava Circoscrizione

L'ufficialità della ricandidatura di Alma Ballarin come presidente dell'Ottava Circoscrizione, è arrivata con la conferenza stampa che venerdì si è tenuta al Castello di Montorio, alla quale erano presenti anche il responsabile provinciale della Lega Nicolò Zavarise, il presidente di Acque Veronesi Roberto Mantovanelli e lo stesso Enrico Corsi.

«Ho scelto la Lega perché ritengo che a livello locale abbia alcuni tra i politici più preparati e più presenti sul territorio – esordisce Alma Ballarin –, che rispecchiano il mio modo di lavorare, con la consapevolezza degli obiettivi per far crescere Verona. Corsi, Zavarise e Mantovanelli, qui con me oggi, sono tra le persone che più mi hanno supportato per concretizzare progetti fondamentali durante il mio mandato come presidente di circoscrizione. Con Acque Veronesi molti sono stati gli interventi di regimentazione delle acque, come in Via Ai Molini, e di realizzazione di nuove caditoie e griglie: siamo, infatti, su un’area molto soggetta ad allagamenti quando avvengono eventi atmosferici importanti. Con il commissario Zavarise, in qualità di assessore, siamo intervenuti con il ripristino dell’arredo urbano, senza contare il suo grande impegno nel far rivivere le nostre frazioni, con i mercatini di Natale per la prima volta in Ottava Circoscrizione, così come Soffitte in Piazza e Quinto in Festa. Con Corsi, già presidente dell’Ottava Circoscrizione, da tempo collaboriamo per i contributi alle associazioni del nostro territorio». 

Ballarin inoltre sposa la battaglia del Carroccio per l’autonomia: «Sono una grande estimatrice del governatore Zaia e sostengo la sua lotta a difesa e tutela delle nostre tradizioni e dell’indipendenza del Veneto» ricordando il lavoro in questi due anni e mezzo di mandato come presidente di Circoscrizione, «nonostante il periodo difficile del Covid ci siamo concentrati, oltre che sulla risoluzione di problematiche di sicurezza legate al dissesto idrogeologico, nel grande lavoro di messa in rete delle associazioni della Circoscrizione, con eventi e appuntamenti culturali, e con la previsione di inserire anche il comparto dei commercianti. Abbiamo, inoltre, realizzato la Cartina panoramica dei percorsi in Ottava, rinnovando quella di 20 anni fa proprio del consigliere Corsi, con la spiegazione di 18 sentieri, e, in collaborazione con le associazioni, creato un nuovo percorso da trekking “Il grande anello della storia”: 2.000 anni in 17 km. Il mio desiderio è di far inserire questo percorso tra quelli della Regione Veneto».

«È un orgoglio accogliere Alma Ballarin nella famiglia della Lega. Persona di valore e amministratrice competente, il suo ingresso conferma che chi ha a cuore il bene del proprio territorio sceglie la Lega, con l’obiettivo di portare risultati concreti e abbracciare un progetto che guarda al futuro» commenta soddisfatto Zavarise.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lega. Comencini, Grassi e Corsi "all'assalto" del Consiglio comunale di Verona

VeronaSera è in caricamento