menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni, Salemi lancia la volata: "La nostra città deve cambiare passo"

La campagna elettorale della candidata del Pd ha preso il via ufficialmente mercoledì sera dalla Gran Guardia: "Per governare ed essere davvero a servizio della comunità servono coraggio e determinazione, ma anche dialogo e solidarietà"

La nostra città deve cambiare passo e io sono pronta alla sfida, con lo sguardo alto e i piedi ben piantati a terra. Per governare ed essere davvero a servizio della comunità servono coraggio e determinazione, ma anche dialogo e solidarietà: tutte caratteristiche che la nostra Verona ha e deve riscoprire. Voglio essere un Sindaco che affronta i problemi della città con lo stesso sguardo dei suoi cittadini. Per questo guardo al futuro, con gli occhi di Verona”. Così mercoledì sera, in un auditorium della Gran Guardia gremito da circa un migliaio di persone, la candidata sindaco Orietta Salemi ha lanciato la sua campagna elettorale.
Ad accompagnarla sul palco i capilista delle liste che la sostengono – il Pd e le civiche Verona Civica-Salemi Sindaco ed Eppur si muove -, ma anche quattro sindaci che hanno saputo vincere la sfida con il centrodestra e stanno portando esempi significativi di buon governo: Giorgio Gori (Bergamo), Matteo Ricci (Pesaro), Davide Galimberti (Varese) e Achille Variati (Vicenza).

salemi_granguardia2-2

Dopo dieci anni si è chiusa una stagione ed è il momento di ripartire – ha spiegato Orietta Salemi -. Per farlo servono scelte coerenti con il carattere e la storia della nostra città. Servono le idee per poter cambiare passo. Serve una nuova capacità di guardare alle periferie, alla mobilità sostenibile, alla promozione della cultura, al sostegno del sistema produttivo, ai giovani, alla sicurezza, all'aiuto a chi è in difficoltà: gli anziani, i disabili, chi è senza lavoro, le famiglie e le giovani coppie” ha spiegato nel suo intervento Orietta Salemi, che ha lanciato anche tre prime proposte programmatiche. “Dobbiamo far tornare Verona ad essere la città dal respiro europeo che merita e può essere: per questo ci sarà una funzione dedicata in giunta o una delega all'internazionalizzazione. Dobbiamo poi proporre un disegno armonico della città. Dopo anni di interessi parziali, con quasi due dozzine di varianti urbanistiche, serve un disegno intelligente di spazi e funzioni, in un equilibrio tra interesse pubblico e opportunità private. Questo percorso deve partire da veri processi di partecipazione, parlando ad esempio con i quartieri, e non deve escludere l'ipotesi di un nuovo Piano di Assetto del Territorio. Infine: un nuovo rapporto tra pubblico e privato. È il momento di uscire da una logica manichea e puntare a una relazione equilibrata e costruttiva. I tempi sono maturi perché il privato diventi corresponsabile di alcune scelte. Io sono pronta ad accettare la sfida”.

salemi_granguardia-2

salemi_granguardia3-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento