Elezioni nella Bassa Veronese, tre vittorie e due sconfitte per la Lega

Tolti i comuni con un unico candidato, la Lega vince la sfida di Legnago, quella più importante, e quelle di Oppeano e Angiari. Candidati leghisti battuti invece a Terrazzo e a Sanguinetto

Sindaco con fascia tricolore (Foto di repertorio)

La Bassa Veronese domenica 26 maggio ha scelto tutti i suoi sindaci. Anche a Legnago, unico comune dove era possibile il ballottaggio, è bastato un turno elettorale per scegliere il nuovo primo cittadino.

Nel comune più importante della Bassa per cinque anni sarà al governo il leghista Lorenzetti, eletto a maggioranza assoluta dai legnaghesi.
Bastava invece superare la soglia del 50% dell'affluenza in quei comuni dove si è presentato un solo candidato. E così Campi è diventato sindaco di Salizzole, Zuliani sarà il sindaco di Concamarise, Pastorello è stato confermato alla guida di Roveredo di Guà, Greghi sarà per cinque anni primo cittadino di Pressana e a Zimella ci sarà un sindaco donna, Sonia Biasin.
Due vittorie e due sconfitte per la Lega che elegge Giaretta ad Oppeano e Puliafito ad Angiari. Candidati leghisti battuti invece a Terrazzo, che sceglie Zamboni come sindaco, e a Sanguinetto dove vince Fraccaroli.
A Veronella, vittoria netta per Rossi, mentre più contenuti sono stati i successi di Nuvolari a Sorgà e di Occhiali a Boschi Sant'Anna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento