menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Flavio Tosi e Umberto Bossi (foto web)

Flavio Tosi e Umberto Bossi (foto web)

Lega Nord a pezzi dopo le elezioni, Tosi: "Io resto al mio posto"

Il segretario regionale e sindaco di Verona risponde su Repubblica alle accuse mosse dopo i risultati delle comunali: "Chi chiede la mia testa ha un consenso personale pari allo zero". Su Bossi: "Il suo ciclo è finito"

Non diminuiscono le polemiche interne alla Lega Nord dopo la disfatta alle elezioni comunali a Verona e in Veneto. Ad essere chiamato in causa e fornire spiegazioni è ancora il segretario regionale Flavio Tosi. "Il risultato generale dà la misura di come sono andate le cose: per la Lega e per il centrodestra é stata una secca sconfitta. Ma io resto al mio posto, chi chiede la mia testa ha un consenso personale pari allo zero". Il sindaco di Verona ha replicato così, sulle pagine di Repubblica, alle accuse mosse nei suoi confronti.

"LE BARUFFE INTERNE CI SONO COSTATE CARO"

"Alle critiche e alle polemiche alimentate da gente irresponsabile io rispondi con i fatti - spiega -. Alle amministrative dell'anno scorso, abbiamo avuto un risultato analogo a quello di adesso: persi sette ballottaggi su sette. E lo chi comandava nella Lega? Umberto Bossi, e nel Veneto Gian Paolo Gobbo, mica Maroni e Tosi". Per il sindaco di Verona occorre "allargare l'elettorato tradizionale della Lega. Andare oltre, riconquistare il voto di chi ha disertato le urne perché in questi vent'anni a Roma non si è combinato niente. Magari con persone più credibili".

CONTRO BOSSI: "ZERO POSSIBILITA' CHE TORNI A GUIDARE LA LEGA"

Continua Tosi: "Abbiamo vinto in Lombardia solo tre mesi fa. Dobbiamo assolutamente dare segnali concreti sui vantaggi che potrebbero arrivare dalla macroregione. Sta ai governatori farlo in tempo, prima della tornata amministrativa dell'anno prossimo, che secondo me coinciderà con le elezioni politiche". Bossi vuol riprendersi la Lega? "Chi lo consiglia dovrebbe ricordare che cos'é successo attorno a Bossi lo scorso anno. E capire che tutti i cicli hanno una fine. Quanto alla sua ricandidatura, vale un moto di saggezza popolare: can che abbaia non morde".

REAZIONI DOPO LE ELEZIONI:
COMUNALI 2013: i sindaci a Villafranca, Sona e Bussolengo
Gentilini cade a Treviso, San Donà di Piave al centrosinistra: "Candidati sindaco giusti"
Nessun passo indietro in Lega, Maroni: "il capo sono io" con Tosi e Salvini al vertice

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento