Benciolini con +Europa Verona: «Regionali e poi comunali. Amministrazione inadeguata»

Il già candidato sindaco a Verona per il Movimento 5 Stelle non risparmia critiche al suo ex partito, mentre il coordinatore di +Europa Pasetto attacca la giunta di Verona: «Questa amministrazione ha delle pecche per la manutenzione ordinaria»

Gianni Benciolini, già consigliere comunale e candidato sindaco per il Movimento 5 Stelle a Verona, ha annunciato ufficialmente ieri, mercoledì 26 agosto, il suo ingresso in +Europa Verona in vista delle prossime elezioni regionali di settembre. Presente per l'occasione anche Giorgio Pasetto, il Coordinatore di +Europa Verona, candidato capolista alle elezioni per +Veneto in Europa: «Abbiamo deciso di fare campagna acquisti per il futuro come +Europa. Siamo andati a prendere un giocatore che era un po' infortunato,- ha dichiarato Pasetto - e ora è pronto a giocare la partita con +Europa. Ci siamo conosciuti quando lui era in minoranza in Consiglio comunale a Verona, dove abbiamo sempre condiviso tutte le battaglie sui diritti civili. Dopo il Consiglio ci fermavamo a parlare e ho trovato una persona che fa politica con passione e su aspetti come ambiente, ecologia, con una sensibilità importante, la stessa che abbiamo noi di +Europa. Questo inserimento di Gianni Benciolini in +Europa guarda nel medio e lungo periodo. Mi riferisco al progetto per le comunali a Verona».

A sua volta Gianni Benciolini ha spiegato: «La notizia è che ho lasciato il movimento 5 Stelle estremamente deluso per una serie di motivi, sono state cambiate le regole del gioco a pochi giorni da una possibile partita. I fondamenti del mio pensare, i fondamenti radicali, i diritti civili, il rispetto delle differenze e delle uguaglianze, un'idea di Europa un po' differente rispetto a quella attuale creando gli Stati Uniti d'Europa: queste sono le cose fondamentali che mi hanno fatto pensare a lungo, ma poi decidere per la prima volta nella mia vita di prendere una tessera di partito. Ho trovato un partito molto giovane, - ha quindi rivelato Gianni Benciolini - nato pochi anni fa con grande voglia di fare e organizzarsi e per il futuro dell'Europa e del Veneto (con Giorgio capolista a Verona) e per il futuro di Verona. Gli ultimi accadimenti metereologici di giorni fa, ci devono unire nel sistemare il territorio devastato, ma ci devono anche far riflettere: la pianificazione urbanistica risale a Giacino. C'è un consumo di suolo e quindi un incremento del surriscaldamento globale dovuto anche a quel poco che si sta costruendo a Verona (l'equivalente di 20 campi da calcio all'anno che vengono cementificati). Bisogna pensare a una Verona diversa, a un territorio veneto diverso e non bisogna invocare fondi europei solo quando se ne ha bisogno».

PASETTO. BENCIOLINI VERONA +EUROPA 26 agosto 2020

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Paseto e Benciolini - 26 agosto 2020

In conclusione il Coordinatore di +Europa Verona Giorgio Pasetto ha aggiunto: «Mi associo a quanto ha detto Gianni in un'ottica più regionale, per fare alcune considerazioni: lunedì è venuto Zaia a Verona, da gran comunicatore, qualsiasi cosa succeda la responsabilità è di qualcun altro. Questo mi lascia perplesso, sei governatore possibile che vai solo a fare i tagli di nastri o a fare il salvatore della patria? Vorrei ricordare i problemi legati a questa amministrazione, prima è la sanità pubblica, depauperata. Voglio ricordare che gli ospedali di Bovolone, Isola della Scala, Malcesine, Caprino, Bussolengo hanno operatività del 10% rispetto a prima. Voglio ricordare la Pedemontana che sembra un pozzo di San Patrizio, la trasparenza non è una caratteristica di questa amministrazione. Noi andremo all'opposizione, ma faremo veramente opposizione: in passato l'opposizione è stata morbida. Chiudo dicendo che non credo che il sindaco Sboarina sia responsabile dei danni di questo fatto straordinario, - ha concluso Giorgio Pasetto - ma questa amministrazione ha delle pecche per la manutenzione ordinaria. Non è all'altezza di una città come Verona che deve confrontarsi con le città migliori d'Europa». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Steakhouse: i tre migliori di Verona

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • Elezioni in Veneto: come si vota? Dal voto disgiunto alle preferenze, tutte le informazioni

  • Elezioni del 20 e 21 settembre 2020: come si potrà votare e per cosa

  • Scontro mortale tra un'auto e una bici: deceduto sul posto il ciclista

  • Citrobacter, provvedimento disciplinare alla direttrice della microbiologia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento