Il decimo (finto) candidato sindaco a Verona: Kevin Coperton di Amici Amici

Un simpatico fake che vuole portare la rivoluzione della bici a Verona, con il motto: "Se tutte le strade portanto a Roma, tutte le piste ciclabili portano a Verona"

Kevin Coperton (Foto copertina di Facebook)

Sulla scheda elettorale che domenica 11 giugno sarà consegnata agli elettori di Verona i candidati sindaco saranno nove e saranno in quest'ordine: Patrizia Bisinella, Marco Giorlo, Roberto Bussinello, Orietta Salemi, Michele Bertucco, Michele Croce, Alessandro Gennari, Federico Sboarina e Filippo Grigolini. Sono quelli che hanno seguito e superato l'iter burocratico per la presentazione della candidatura.

Saranno nove, ma potevano essere undici. Due infatti sono i candidati non sono riusciti a presentare correttamente la loro candidatura, Franco Bruno de La Catena e William Dapiran di Msi-Destra Nazionale.

E poi c'è Kevin Coperton della lista Amici Amici, che si presenta come candidato sindaco ma che in realtà è un simpatico fake. Per fortuna o purtroppo, a seconda dei punti di vista, Kevin Coperton non può essere votato. Ciò nonostate il suo programma è ben visibile sulla sua pagina Facebook. "Mi chiamo Kevin Coperton, sono nato a Verona e amo la mia città - questa è la sua presentazione - Ho deciso di candidarmi a sindaco con la lista civica Amici Amici, per portare la rivoluzione della bici in questa città". E uno dei suoi motti è: "Se tutte le strade portanto a Roma, tutte le piste ciclabili portano a Verona".

Nel video con cui Kevin Coperton lancia la sua candidatura, la lista Amici Amici è descritta come "una squadra di giovani competenti e con idee innovative". E molto radicale è il programma con cui si chiedono: multe salate per gli automobilisti che se la prendono con i ciclisti, l'introduzione dell'esame della bici nelle scuole e poi la proposta più rivoluzionaria, trasformare tutte le strade in piste ciclabili.

Kevin Coperton è la parodia di un candidato sindaco, ma siamo veramente sicuri che se si fosse davvero presentato sarebbe stato il candidato meno votato di tutti? In Serbia, alle ultime elezioni presidenziali, si è presentato Luka Maksimovic, con lo pseudonimo di Ljubisa Preletacevic Beli, un personaggio eccentrico, a tratti demenziale, un rappresentate perfetto e al tempo stesso assurdo dell'anti-politica. E ha preso il 9% dei voti. Quanti ne avrebbe presi Kevin Coperton e la sua lista Amici Amici? Purtroppo non lo sapremo mai.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento