Politica Centro storico / Piazza Brà

Regionali 2015, le dichiarazioni di Zaia: "Un grande segnale da parte dei veneti"

I risultati definitivi delle elezioni regionali 2015 hanno visto la vittoria schiacciante di Luca Zaia, confermato governatore del Veneto: "Risultato strepitoso, ho preso voti anche da molti di sinistra"

Luca Zaia è stato eletto per la seconda volta Presidente della Regione Veneto. Per altri 5 anni sarà di nuovo lui il governatore della regione. Nonostante già le prime proiezioni lo dessero vincente, il candidato della Lega Nord ha aspettato i risultati definitivi prima di commentare l'esito in conferenza stampa. Per Zaia si tratta di un risultato strepitoso e lo stacco di oltre 27 punti percentuali dall'avversaria principale Alessandra Moretti possono solo confermare i giudizi del rieletto presidente.

"Non è stata una campagna elettorale facile ma è stata premiata la mia imparzialità; siamo partiti con molte difficoltà ma abbiamo portato i veneti al voto alla partecipazione". Queste le parole di Luca Zaia riportate dal Corriere del Veneto, che continua: "Noi abbiamo parlato di progetti, di programmi, non fatto la scelta di campo di denigrare gli avversari". Sempre a proposito di programmi, il governatore ha affermato che "con questo risultato non ci sono alibi. Ho depositato, assieme alle liste, anche il mio programma in tribunale. Sono 200 pagine, non era obbligatorio ma l’ho preteso. Non accetterò alcuna divagazione sul tema o nessun libero pensatore. I provvedimenti ce li abbiamo in testa e vogliamo fare in fretta". Sembra dunque fermo e deciso il presidente Zaia, a cui è stato affidato il governo del Veneto per altri 5 anni.

Parlando dei numeri raggiunti, Zaia in conferenza stampa ha dichiarato. "Questa è l’unica regione in cui il governatore viene scelto con più del 50 per cento del consenso. Sono anche il presidente che ha preso più voti in italia, De Luca si è fermato a 800 mila. Nonostante la credibilità cruda della campagna elettorale, i veneti sanno benissimo come governo. Ringrazio tutti i nostri compagni di viaggio, a cominciare dal mio partito e del segretario Salvini. E i militanti uno a uno. Ringrazio il mio partito che ha condiviso la strategia di una lista personale che preso i voti di molti della sinistra e anche di molti indecisi. E questo è stato un sacrificio nella Lega".

A proposito degli avversari, come riporta il Corriere del Veneto, Zaia ha dichiarato: "Oggi tutti sono pronti a saltare sul carro dei vincitore. E gli altri diranno che i concorrenti erano deboli. Non è vero che erano candidati deboli. Erano di tutto rispetto e come tali li abbiamo trattati". Più severo invece il giudizio su Renzi e il suo governo: "Non faremo sconti a un governo che ha schierato in Veneto per la campagna elettorale ministri in andata e ritorno. Pensavo anche convocassero un consiglio dei ministri in Veneto per discutere dei problemi della regione. Ma a Castelfranco i ministri avevano richiamato 87 persone noi 3.000 sulla stessa piazza". Per il governatore confermato, dunque, il governo di Renzi deve "recuperare la sua credibilità con i veneti". L'esito delle elezioni regionali farebbe pensare che la maggior parte dei veneti sia d'accordo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali 2015, le dichiarazioni di Zaia: "Un grande segnale da parte dei veneti"

VeronaSera è in caricamento