rotate-mobile
Venerdì, 1 Marzo 2024
Politica San Giovanni Lupatoto / Piazza Umberto I

Salvini: «Con Lega al governo subito autonomia e blocco ad aumenti di bollette»

Il leader ha parlato dal palco della Festa della Liga Veneta a San Giovanni Lupatoto, indicando tra le priorità anche quella dei Decreti Sicurezza «per difendere il nostro paese da clandestini e spacciatori»

Autonomia, decreti sicurezza e stop al caro-bollette. Se le elezioni di domenica prossima, 25 settembre, premieranno la Lega e la coalizione del centrodestra, saranno questi i primi provvedimenti del nuovo governo. Lo ha assicurato ieri sera dal palco di Piazza Umberto I a San Giovanni Lupatoto il leader Matteo Salvini, intervenuto all'evento conclusivo della campagna elettorale leghista in Veneto (qui la diretta Facebook).

Sul palco sono saliti gli aspiranti deputati e gli aspiranti senatori della Lega e, prima di Salvini, ha parlato anche il presidente della Regione Luca Zaia, anticipando i temi poi approfonditi dal segretario nazionale del partito. Temi come l'autonomia, appunto, o la sicurezza. Ma che potrebbero rimanere parole al vento senza l'affermazione elettorale del centrodestra, ha spiegato Salvini. «Perché è vero che domenica vinciamo, ma non vorrei che la gente non andasse a votare perché tanto il centrodestra ha già vinto - ha dichiarato il leader leghista - Si parte da 0 a 0. E il voto di ogni uomo e di ogni donna in Veneto vale doppio perché porterà l'autonomia. Nel primo consiglio dei ministri del nuovo governo porteremo la legge sull'autonomia, che è già pronta e per approvarla non bisogna cambiare la Costituzione o spendere quattrini. Noi ci abbiamo provato ad approvarla prima, ma abbiamo avuto PD e M5S tra le scatole. Un governo di centrodestra omogeneo e unito sarà invece una garanzia per l'autonomia. Poi è vero che Fratelli d'Italia vuole il presidenzialismo e anche noi siamo d'accordo. Ma per il presidenzialismo bisogna cambiare la Costituzione e servono come minimo tre anni. E il Veneto non può aspettare altri tre anni per l'autonomia».

E insieme all'autonomia, Salvini vorrebbe portare nel primo consiglio dei ministri del prossimo governo i Decreti Sicurezza «per difendere il nostro paese da clandestini e spacciatori». Ma il leader della Lega ha anche ribadito che in questo momento «l'emergenza nazionale del Paese è una: aiutare gli italiani a pagare la bolletta della luce. E quindi tra i nostri primi provvedimenti ci sarà anche il blocca agli aumenti delle bollette».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini: «Con Lega al governo subito autonomia e blocco ad aumenti di bollette»

VeronaSera è in caricamento