rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Politica Centro storico / Piazza Bra

Elezioni a Verona, ancora sfida di sondaggi. Indagine Demetra vede in vantaggio Tommasi

Sboarina risponde con il sondaggio Tecnè, che lo incorona addirittura vincitore al primo turno

Sono ancora una volta i sondaggi lo strumento di scontro politico in vista delle elezioni amministrative di Verona. Una serie di indagini tra gli elettori ha scandito tutta la ricerca dei candidati sindaco. Ed ora che i candidati sono stati ufficializzati, si cerca di intuire quali siano le preferenze tra i cittadini che presto si presenteranno alle urne.

Ieri, 21 marzo, quasi in contemporanea sono stati resi noti gli esiti di due sondaggi sulle intenzioni di voto dei veronesi. Due sondaggi dagli esiti decisamente diversi.
Sul sito del Ministero dell'Interno è stato pubblicato quello di Tecnè, secondo cui i veronesi sarebbero propensi a riconfermare Federico Sboarina con una percentuale (52,6%) tale da evitare anche il ballottaggio.
L'altra indagine è stata invece realizzata da Demetra Opinioni.net. Alla domanda se si dovesse votare oggi, il candidato che prenderebbe più voti sarebbe quello di centrosinistra, Damiano Tommasi (35,7%). Dietro Tommasi ci sarebbe Sboarina (31,2%) e poi Flavio Tosi con il 27,1%. Percentuali più piccole per gli altri candidati come Michele Croce di Prima Verona e Alberto Zelger di Verona per La Libertà. A quest'ultimo sondaggio hanno partecipato 800 veronesi, intervistati tra il 16 e il 17 marzo.

sondaggio elettra elezioni verona tommasi-2

«Per il bene di Verona, credo che l'area liberal-democratica e riformatrice dovrebbe trovare unità sulla persona di Damiano Tommasi», ha commentato il presidente di Area Liberal Giorgio Pasetto, alla luce dei dati del sondaggio di Demetra Opinioni.net. Il messaggio di Pasetto sembra essere rivolto ad Azione, il partito di Carlo Calenda, pronto ad uscire dalla coalizione di centrosinistra se in essa saranno inclusi anche i 5 Stelle. «Ritengo giusto che il M5S mantenga il suo simbolo - ha spiegato Pasetto - La soluzione credo che possa essere semplicemente una loro presa di posizione, forte e chiara, sui valori europeisti e atlantisti».
«Aggiungo che trovo corretto siano le destre rappresentate da Sboarina e Tosi a contendersi quell'area di voto sovranista, conservativo e talvolta euroscettico, che in questa prima fase ha poco da condividere con l'area liberal-democratica e riformista», ha concluso Giorgio Pasetto, strizzando l'occhio anche a Massimiliano Urbano che ha lasciato la Buona Destra (possibile alleata di Tosi) per entrare probabilmente in Azione e quindi sostenere Tommasi.

E sulla quasi contemporaneità della pubblicazione dei due sondaggi, il consigliere comunale del Partito Democratico Federico Benini bacchetta Sboarina: «Il sondaggio realizzato dal prestigioso istituto Demetra vede Damiano Tommasi in testa al primo turno. E così Sboarina ha dato ai giornali un sondaggio commissionato da lui lo scorso 12 novembre. Che miserie».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Verona, ancora sfida di sondaggi. Indagine Demetra vede in vantaggio Tommasi

VeronaSera è in caricamento