Politica Centro storico / Piazza Bra

Mozione del M5S: "Basta doppi incarichi", ma la maggioranza è contraria

Il capogruppo 5 Stelle Marta Vanzetto chiede al sindaco di togliere gli incarichi agli assessori che svolgono o svolgeranno altri incarichi elettivi. Zandomeneghi: "Problema superato"

Ancora tutte le liste dei candidati per le elezione politiche del 4 marzo non sono state ufficializzate, ma c'è chi mette le mani avanti. È il capogruppo del Movimento 5 Stelle in consiglio comunale a Verona Marta Vanzetto che con una mozione chiede di evitare i doppi incarichi agli amministratori locali. La Vanzetto ritiene che non si possano svolgere correttamente due ruoli in contemporanea e quindi chiede al sindaco Federico Sboarina di revocare gli incarichi a coloro che venissero eletti in parlamento alle prossime votazioni. Una scelta che il sindaco non ha fatto fin da subito, dato che ha scelto come suo assessore il senatore Stefano Bertacco, che potrebbe essere nuovamente candidato in Senato. Ma la mozione, se approvata, potrebbe coinvolgere anche altri possibili assessori in odore di candidatura, come il vicesindaco Lorenzo Fontana, già europarlamentare, o l'assessore Daniele Polato.

Difficilmente, però, la mozione sarà approvata dal consiglio comunale, leggendo le dichiarazioni dei componenti della maggioranza dell'assise veronese.

La consigliera Vanzetto si distingue sempre sia per i modi pittoreschi sia per i toni che rasentano l'offesa personale - scrive il capogruppo di Fratelli d'Italia Leonardo Ferrari - Per lei ogni confronto politico è solo uno scontro frontale, dettando lezioni di moralità, onestà e responsabilità. Questa maggioranza conosce le leggi italiane, che non vietano i doppi incarichi perché ne ha disciplinato il non accumulo dei compensi. La nostra dimostrazione di legalità e trasparenza non è certo su questo che si misura ma su come sapremo bene amministrare Verona e in maniera pulita.

Anche Marco Zandomeneghi di Battiti Verona Domani ha ribadito che il problema dei doppi incarichi è un problema superato dal fatto che la legge ha vietato l'accumulo dei compensi. Anzi, se un assessore ha un altro incarico, il Comune risparmia perché non paga il suo compenso. "Se una persona è in grado di fare il proprio lavoro e mantenere più incarichi, lo può fare, come prevede la legge - ha aggiunto Zandomeneghi - Detto questo, sono convinto, che come maggioranza, anche dopo le elezioni poltiche, saremo in grado di dimostrare che l'intento di avere persone elette che danno il 100% nell'esercizio del proprio incarico sarà ampiamente soddisfatto".

E anche Gianmarco Padovani di Verona Pulita respinge la proposta della consigliera Vanzetto definendo "meritevoli ed efficienti" coloro che stanno amministrando il Comune di Verona, i quali "si distinguono per la loro presenza sul territorio e la disponibilità verso i cittadini veronesi", scrive Padovani.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mozione del M5S: "Basta doppi incarichi", ma la maggioranza è contraria

VeronaSera è in caricamento