Case Agec di Via Villa Gori, Benini e Breaola: «Roba da Terzo Mondo»

I due consiglieri del Partito Democratico hanno eseguito un sopralluogo trovando «una discarica di bancali, secchi, recinzioni da cantiere abbandonata sotto alle finestre del piano terra»

 

«Cortile disseminato di rifiuti e di calcinacci caduti dalle facciate scrostate e dal sottotetto; una discarica di bancali, secchi, recinzioni da cantiere abbandonata sotto alle finestre del piano terra, tra cui spunta anche un vecchio motorino abbandonato. Esche topicide sparse per il giardino, eppure gli inquilini raccontano di continue infestazioni di topi». Queste le condizioni igienico-sanitarie descritte da Federico Benini, consigliere comunale del Partito Democratico di Verona, e da Michele Bresaola, consigliere PD in quinta circoscrizione, i quali hanno svolto un sopralluogo alle case Agec di Via Villa Gori, vicino alla Fiera.

I due hanno trovato la serratura del portone d'ingresso rotta, consentendo libero accesso all'edificio a chiunque voglia entrare. Questo spiegherebbe anche il fatto che nella soffitta sono stati trovati dei giacigli di fortuna. «Sembra difficile da credere che nel 2020 questo possa accadere a Verona, per di più a due passi dalla Fiera che vuole essere motore di ricchezza e benessere - hanno dichiarato i due consiglieri democratici - Chiediamo interventi celeri ed efficaci a contrasto di questo degrado. Purtroppo questi alloggi non rientrano nel piano di riqualificazione varato negli ultimi anni dai governi di centrosinistra che ha già consentito il recupero di tanti edifici Agec. Occorrerà trovare un altro strumento per affrontare questa situazione, e bisognerà farlo in fretta».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento