rotate-mobile

Tommasi proclamato sindaco di Verona, il suo primo discorso: «Una grande responsabilità, c'è bisogno di tutti»

«Quello che le persone si aspettano è la concretezza e la vicinanza di una città che mette da parte le bandierine e pensa alla cura delle proprie cittadine e dei propri cittadini, sarà questa la sfida più grande che dobbiamo vincere», ha detto il neosindaco di Verona Damiano Tommasi nel suo discorso

Damiano Tommasi dopo aver vinto la sfida al ballottaggio con Federico Sboarina lo scorso 26 giugno, è stato quest'oggi proclamato ufficialmente nuovo sindaco della città di Verona. Le sue prime parole indossando la fascia tricolore sono state, come sin qui d'abitudine, contraddistinte da pacatezza e volontà di condivisione dei propri intenti politici: «Quello che le persone si aspettano - ha dichiarato Tommasi in uno dei passaggi decisivi del suo intervento - è la concretezza e la vicinanza di una città che mette da parte le bandierine e pensa alla cura delle proprie cittadine e dei propri cittadini, sarà questa la sfida più grande che dobbiamo vincere».

«Si può fare politica in tanti modi - ha detto Tommasi -, noi ne abbiamo scelto uno, è stato condiviso e la città ci ha premiato. Ora la sfida è che questo modo di fare politica diventi buona amministrazione e permetta a Verona di ambire a ciò che merita. Il senso di rete che abbiamo attivato è stato colto anche all’esterno e mi auguro si possa concretizzare come modus operandi. Il nostro impegno è quello di continuare sulla strada tracciata, sapendo che il futuro che vogliamo costruire per Verona ha bisogno di tutti, anche di chi non la pensa come noi».

Sul fronte delle priorità, per il sindaco c’è quella di «creare la squadra per mettere in moto la macchina. L’amministrazione si fa tutti insieme, saremo propositivi nei confronti dell’opposizione, lo spirito è quello di trovare le soluzioni e le mediazioni migliori per il bene di tutti». Nel frattempo sono stati eletti formalmente anche i 36 consiglieri comunali, 22 dei quali spettano alla maggioranza di centrosinistra, a fronte dei 14 per il centrodestra (il 37esimo consigliere è lo stesso Damiano Tommasi). Sarà poi la volta per il sindaco eletto di comporre la nuova Giunta, cosa che dovrebbe avvenire entro i prossimi dieci giorni. Sempre dieci, stando al programma ufficiale di Rete!, dovrebbero essere gli "assessorati". Tra questi dovrebbe figurare anche un apposito assessorato al "Terzo settore". Così come dovrebbe essere già deciso che le deleghe allo "Sport" ed alla "Famiglia" rimarranno intestate al sindaco stesso Damiano Tommasi.

Il neosindaco, nel corso del suo intervento, non ha nascosto come vi sia anche un po' di «pressione» per l'avvio di questa nuova avventura, ma ha ribadito che «Verona ha bisogno di pensare in grande». E sulla sua vita personale ha aggiunto: «Per me si apre una fase nuova rispetto al mio recente passato, ma sono contento di non sentirmi solo in questa sfida, perché questo progetto è animato da tante belle persone che hanno davvero voglia di essere protagoniste nella loro città».

Sullo stesso argomento

Video popolari

Tommasi proclamato sindaco di Verona, il suo primo discorso: «Una grande responsabilità, c'è bisogno di tutti»

VeronaSera è in caricamento