Fuortes e coraggio, Michele Croce approva il voto dei lavoratori di Fondazione Arena

Il leader del movimento politico Verona Pulita, l'Avv. Michele Croce, si dice soddisfatto della scelta, giudicata "coraggiosa", da parte dei lavoratori di Fondazione Arena che hanno deciso di accettare i sacrifici imposti dal piano di risanamento voluto da Carlo Fuortes

Michele Croce, candidato sindaco del movimento Verona Pulita, commenta l'esito del voto all'accordo tra il commissario Fuortes, i sindacati e i dipendenti sul piano di risanamento: "Il voto dei lavoratori della Fondazione Arena ha dimostrato che siamo di fronte a uomini e donne che amano la prestigiosa realtà in cui lavorano e che sono disposti a grandi sacrifici. Hanno fatto il loro, pagando un prezzo altissimo per sbagli commessi da altri incompetenti sulle loro teste".

Il leader del movimento Verona Pulita, prosegue poi nel suo ragionamento, rivolgendo lo sguardo al recente referendum che i dipendenti avevano bocciato per due soli voti di scarto: "La bocciatura della precedente consultazione era chiaramente un sintomo di totale sfiducia negli interlocutori, che erano gli stessi che avevano ridotto sul lastrico la Fondazione e che pretendevano di infliggere il colpo di grazia. L'arrivo di Fuortes ha ridato fiducia e ora il commissario può operare legittimato ma anche caricato da una grande responsabilità. Gli auguriamo nuovamente buon lavoro, ma il nostro grazie oggi va ai lavoratori, vero patrimonio della Fondazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'8 all'11 novembre 2019

  • Terribile frontale tra auto e camion nella notte: perde la vita un 34enne

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Accoltellamento a Verona, un uomo in ospedale: caccia agli aggressori

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

Torna su
VeronaSera è in caricamento