Martedì, 28 Settembre 2021
Politica Centro storico / Piazza Bra

Decreto sostegni: critiche di Confcommercio Verona. Presidente Arena: «Aiuti insufficienti»

Il presidente Paolo Arena ammonisce: «Attenzione alla tenuta sociale del Paese. Decreto non in linea con le parole di Draghi. Senza aziende non c'è futuro per l'Italia e per gli italiani»

Non ha lasciato insoddisfatti soltanto Federalberghi Garda Veneto il cosiddetto "decreto sostegni" appena approvato dal governo Draghi. Il presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena, infatti, ha rilasciato alcune dichiarazioni che appaiono perfettamente consonanti con quelle di Ivan De Beni. Le attese soprattutto per le aziende del settore turistico (ma non solo) erano tante, e proprio per questo oggi la delusione appare ancora più netta e profonda.

Lo scorso 16 marzo il ministro del Turismo in quota Lega Massimo Garavaglia spiegava a mezzo social: «Dopo un’attenta valutazione interna al nuovo ministero, abbiamo trovato risorse ingenti che per mancanza delle norme o complicanze dovute all’esiguità dello stesso apparato non sono state usate. L’obiettivo è quello di distribuirle nel modo più veloce ed equo possibile».

Massimo Garavaglia

Il ministro del Turismo Massimo Garavaglia

Dopo l'approvazione del "decreto sostegni", la ministra per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini, presidente peraltro anche della Comunità del Garda, qualche ora fa scriveva sempre sui social: «È appena finito il Consiglio dei Ministri. Più di 3 miliardi per Regioni ed Enti locali, un fondo di 700 milioni per il sistema neve, 300 milioni per la decontribuzione del settore agricolo, stop cartelle esattoriali fino al 2010, risorse a fondo perduto per imprese e autonomi. Con l’azione di Forza Italia al governo novità importanti».

La ministra per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini

La ministra per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini

Parole che appaiono davvero piuttosto dissonanti tanto con le dichiarazioni del presidente Federalberghi Garda Veneto, quanto con quelle del presidente di Confcommercio Verona: «Decreto Sostegni? La montagna ha partorito il topolino. - ha sentenziato Paolo Arena - Non ci si rende conto che la filiera del turismo, dei pubblici esercizi, del commercio e dei trasporti è stata quella più colpita con chiusure pressoché totali dall'inizio della pandemia». 

Il presidente di Confcommercio Verona ha quindi proseguito la sua analisi non senza mostrare una certa preoccupazione: «Gli aiuti sono insufficienti, - ha spiegato Paolo Arena - stiamo andando verso una strada senza ritorno. Attenzione alla tenuta sociale del Paese. Il presidente Draghi ha dichiarato che "per lo Stato non è il momento di chiedere, ma di dare". Questo provvedimento non è in linea con le sue parole. Per non lasciare indietro nessuno bisogna portare avanti tutti, soprattutto quelle aziende che stanno soffrendo maggiormente. Senza aziende non ci sarà futuro, né per l'Italia né per gli italiani, perché non ci sarà lavoro. Bisogna osare di più».

Il commento del presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decreto sostegni: critiche di Confcommercio Verona. Presidente Arena: «Aiuti insufficienti»

VeronaSera è in caricamento