Crisi di Governo, incertezze e richieste di elezioni tra i politici locali

I 5 Stelle ringraziano Conte e il PD sottolinea le valutazioni dell'ex premier su Salvini. Il leader della Lega viene difeso da Zaia e anche Fratelli d'Italia chiede il voto subito

Conte in Senato annuncia le dimissioni (Fermo immagine video Senato Tv)

Ieri, 20 agosto, è terminato formalmente il governo Lega-5 Stelle guidato dal premier Giuseppe Conte, il quale si è dimesso. Oggi partono le consultazioni del presidente della Repubblica Sergio Mattarella per verificare se c'è la possibilità o meno di formare un nuovo governo, altrimenti si andrà alle elezioni.

Al momento, tutti gli scenari possibili sono ipotetici e questo aumenta l'incertezza tra i cittadini. Ma soprattutto alimenta lo spauracchio dell'aumento dell'Iva, che potrebbe scattare nel 2020, portando l'Iva ridotta dal 10 al 13% e l'aliquota ordinaria dal 22 al 25%. Un aumento che per ogni veronese potrebbe costare circa 600 euro, secondo una stima fatta da Confcommercio. Mentre SosTariffe.it si è concentrata sui possibili aumenti nelle bollette. Con l'Iva maggiorata, le bollette della luce potrebbero lievitare anche del 10%, mentre quelle del gas potrebbero avere un aumento annuale anche di 1.000 euro.

Scongiurare l'aumento dell'Iva è la preoccupazione principale dei vari partiti, i cui esponenti però hanno commentato l'importante giornata politica di ieri, ribadendo le proprie posizioni e scaricando le responsabilità.

«Grazie presidente Conte per l'alto profilo istituzionale e morale del tuo intervento in Senato - ha dichiarato la deputata 5 Stelle veronese Francesca Businarolo - Ho apprezzato il bilancio dei mesi di governo e la sintesi di quanto è accaduto, equilibrata e non contestabile da chiunque sia in buona fede. Ho inoltre ammirato il richiamo costante al senso di responsabilità istituzionale e ai rischi di un ricorso destabilizzante alle piazze. Ringrazio Conte per aver rivendicato le azioni positive di questo governo e per aver rinviato al mittente l'accusa del "governo del no". Non capisco come Matteo Salvini e gli altri componenti leghisti del governo abbiano potuto ascoltare dai banchi del governo visto che hanno chiesto la sfiducia del governo del cambiamento».

AUTONOMIA, ZAIA: «NON CAMBIA NULLA, NON FAREMO SCONTI»

Per Vincenzo D'Arienzo, senatore veronese del Partito Democratico: «Oggi è un altro giorno. Il governo ha fallito, l'ubriacatura populista pure, ma lui ha lasciato con un certo orgoglio ed ha detto, finalmente ed in ritardo , chi è veramente Salvini: "pericoloso, autoritario, irrispettoso, opportunista, preoccupante, senza coraggio, falso, irriverente". Una serie di referenze che qualificano una di quelle persone da non frequentare. Spero che tutti abbiano capito il pericolo che abbiamo corso e che potremmo ancora vivere».

A difendere Matteo Salvini e a chiedere elezioni subito, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia. «In 15 mesi, abbiamo assistito a troppi No da parte del Movimento 5 Stelle - ha dichiarato Zaia - È impossibile governare a colpi di No, noi siamo per fare e non per disfare. E soprattutto non si può impostare un'azione di governo sull'odio sociale, sul considerare i 60 milioni di cittadini come disonesti o delinquenti a prescindere, con l'unica strategia di distruggere tutto senza saper costruire alcunché. Negli ultimi mesi abbiamo visto il M5S votare assieme al PD in Europa e contrastare le politiche di Salvini sulla sicurezza. Va restituita la parola ai cittadini, anche dopo aver votato il taglio dei parlamentari».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E dalla Regione ha parlato anche Elena Donazzan, assessore regionale ed esponente di Fratelli d'Italia. «Questa crisi ha dimostrato che abbiamo bisogno di una maggioranza politica fatta di obiettivi da condividere e non di veti da contrapporre - ha detto Donazzan - È tempo di tornare al voto, con urgenza: c’è bisogno di un governo coeso politicamente e in sintonia con il proprio popolo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento