Coronavirus, anche Verona aderisce al manifesto per i lavoratori della cultura

Tra le richieste presentate al governo anche quella eventualmente di «far accedere, per i prossimi mesi, i lavoratori dei settori culturali al reddito di cittadinanza»

L'assessore alla Cultura del Comune di Verona Francesca Briani - immagine d'archivio

Anche il Comune di Verona ha aderito al documento, condiviso da tutti gli assessori alla Cultura dei capoluoghi veneti, a sostegno del mondo culturale e dei suoi lavoratori. Il testo, inviato al governo e ai presidenti delle Regioni, chiede che siano introdotte particolari misure a sostegno dei professionisti che lavorano nei servizi legati agli spettacoli dal vivo, alle arti visive, al cinema, ai musei e alla cultura in generale.

«Le misure per arginare la diffusione del coronavirus – spiega l’assessore alla Cultura Francesca Briani – hanno previsto la totale sospensione delle attività culturali. Ma la cultura è un mondo che poggia su lavoratori con contratti atipici, freelance, lavoratori occasionali che, in questo momento, si trovano in grave difficoltà. Pertanto, c’è necessità che siano date risposte rapide per riuscire a far sopravvivere le tante realtà, anche piccole, che contribuiscono alla straordinaria ricchezza della nostra vita culturale. La cultura è una risorsa distintiva della nostra città, della regione e del Paese e come tale va tutelata».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le proposte che anche gli assessori veneti hanno fatto proprie c’è «la richiesta al governo di dichiarare lo stato di crisi per l’intero settore culturale, pubblico e privato, di estendere tutti gli strumenti disponibili per la tutela dell’occupazione previsti dallo stato di crisi», ed eventualmente di «far accedere, per i prossimi mesi, i lavoratori dei settori culturali al reddito di cittadinanza». Inoltre, si chiede di intervenire sul sistema bancario «affinché sospenda temporaneamente i pagamenti dei mutui», mentre si chiede allo Stato di «destinare risorse straordinarie per compensare la caduta delle entrate da parte di enti, istituzioni e organizzazioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Ristorante veronese: "Chiuso.. fino a sepoltura del nostro amatissimo Giuseppe Conte"

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Regioni contro il Dpcm, la lettera: «Chiusura ristoranti alle 23, cinema e palestre aperti»

  • Nuovo Dpcm, c'è la firma del premier Conte: stop servizio al tavolo nei locali dalle ore 18

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento