menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovanardi, Quagliarello e Casali insieme contro l'utero in affitto e unioni civili

Tavola rotonda organizzata da Idea Veneto al Teatro Stimate. Presente anche l'accademico Stefano Zecchi: "L'utero in affitto è peggio della prostituzione e la maggioranza degli italiani è contraria alla stepchild adoption"

"Quale futuro per la famiglia" questo era il titolo del convegno che si è tenuto ieri, 3 marzo, al Teatro Stimate di Verona, a cui hanno partecipato circa 500 persone.

La tavola rotonda è stata organizzata dal movimento Idea Veneto in coordinamento con numerose associazioni che sono impegnate in prima linea a promuovere azioni di tutela della famiglia. Relatori: l’ex ministro e presidente nazionale di Idea, Gaetano Quagliariello. il Senatore Carlo Giovanardi ed il professore Stefano Zecchi. Il dibattito è stato moderato dal capogruppo in Consiglio regionale della Lista Tosi, Stefano Casali, ed ha affrontato temi riguardanti i diritti e le responsabilità della società e della politica, alla luce delle recenti novità introdotte dalla legge sulle unioni civili.

"Il ddl sulle unioni civili passato al Senato è un minestrone indigeribile - ha commentato Giovanardi - Agli avvocati che avranno modo di leggere il testo si drizzeranno i capelli in testa per gli strafalcioni giuridici contenuti. Siamo impegnati in prima linea in una grande battaglia contro un governo cialtrone che calpesta le più elementari regole della democrazia parlamentare. Si continua a dimenticare che il diritto prevalente e autentico è del bambino - ha proseguito l’ex ministro - Quello preteso dalle coppie omogenitoriali è una mostruosità giuridica".

Casali ha ricordato il suo impegno personale e politico e, proprio pochi giorni fa, ha presentato una mozione che promuove l’istituzione del reato per l’utero in affitto.

"L’utero in affitto è intollerabile, ma altrettanto lo è l'ipocrisia di chi ha sostenuto la stepchild adoption e ora criminalizza Nichi Vendola - la riflessione di Quagliariello - Non ci si può dire contrari all'utero in affitto se si è per la stepchild. Non si può volere la stepchild se si è contro l'utero in affitto. Ipocrisia, malafede o ignoranza? La genitorialità non è diritto - ha concluso il fondatore di Idea - Siamo oramai arrivati allo Stato etico, lontani da uno Stato liberale".

Il sindaco di Verona, Flavio Tosi ha portato i saluti della città e anche lui ha ribadito la sua posizione sul caso Vendola. Infine, il professore e accademico Zecchi ha dichiarato: "L’utero in affitto è peggio della prostituzione e la maggioranza degli italiani è contraria al tema della stepchild adoption".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento