Il Consiglio comunale approva rinegoziazione dei mutui, Ass. Toffali: «Il risparmio è irrisorio»

Tra i provvedimenti approvati nella serata del 25 maggio anche le nuove aliquote Imu

Palazzo Barbieri

Il Consiglio comunale di lunedì 25 maggio, secondo quanto si apprende da una nota di palazzo Barbieri, ha approvato con 26 voti favorevoli e 5 astenuti la rinegoziazione mutui con la Cassa Depositi e Prestiti e la contestuale variazione al bilancio di previsione 2020/2022. La Cassa Depositi e Prestiti, in relazione all’attuale emergenza da coronavirus, si è resa disponibile alla rinegoziazione dei finanziamenti concessi ai Comuni, attualmente in ammortamento.

«L'emergenza da coronavirus - ha spiegato l’assessore al Bilancio Francesca Toffali - porta con sé la più vasta operazione di rinegoziazione dei prestiti targata Cassa Depositi e Prestiti a favore degli enti territoriali. Grazie alla rinegoziazione e contestuale allungamento del debito fino a dicembre 2043, si potranno ricalcolare le rate di rimborso degli anni 2020 e successivi, con conseguente maggiore disponibilità di risorse per il Comune a fronte dell’emergenza Covid-19. Gli enti territoriali potranno utilizzare le risorse derivanti da operazioni di rinegoziazione senza vincoli di destinazione per quanto riguarda gli anni dal 2020 al 2023. Dal 2024 sarà invece obbligatorio destinare l’utilizzo dei risparmi agli investimenti. Dalla simulazione compiuta dagli uffici competenti, con la rinegoziazione, relativa a 82 prestiti per un debito di 23,4 milioni di euro, si avrà una riduzione delle quote capitali da pagare nel 2020 pari a 1.861.447 euro, nel 2021 pari a 1.376.925 euro e nel 2022 pari a 1.455.962 euro. Questo ci permette di disporre nei prossimi anni di maggiore liquidità, anche se nel suo complesso porta ad un risparmio irrisorio, di circa mille euro».

La sintesi dibattito

Michele Bertucco (Sinistra in Comune) ha commentato: «Scelta obbligata in un momento come questo. Al termine dell’emergenza economica sarà però necessario rivedere la quantità di mutui aperti, riducendoli di numero e valore». La consigliera Paola Bressan (Battiti per Verona) ha parlato di «scelta in linea con il forte impegno dell’Amministrazione nell'acquisire più risorse possibili in questo momento di difficoltà economica. In attesa delle risorse da parte del Governo, questa è l’unica via percorribile».

Federico Benini ha definito la rinegoziazione dei mutui «un atto dovuto per sbloccare alcune criticità collegate all’emergenza. Spiace che l’intervento promesso dal comune su Agsm per mezzo milione sia ancora in standby», mentre sempre per il Pd Elisa La Paglia ha sottolineato l''«opportunità data dalla Cassa Depositi e Prestiti agli enti locali, di cui il Comune fa pieno utilizzo rinegoziando tutti i mutui in questo momento di emergenza. Una scelta che ricadrà inevitabilmente sulle future gestioni comunali». Infine, la consigliera Carla Padovani del Gruppo misto ha evidenziato: «Non è possibile fare altro, quindi sosteniamo a pieno la linea dell'Amministrazione per rinegoziazione».

Approvate le nuove aliquote Imu

Con 24 voti favorevoli, 5 contrari e 3 astenuti, sono state inoltre approvate le nuove aliquote Imu e la conferma dei valori delle aree fabbricabili per l'anno 2020. Nel documento, a firma dell’assessore Toffali, si evidenzia come, con la legge del dicembre 2019, sono state apportate significative novità nell'ambito dell'imposizione locale sugli immobili. In particolare è stato disposto che l'aliquota Imu 2020 corrisponda alla somma delle aliquote Imu e Tasi, prevedendo al contempo, che si possa aumentare ulteriormente l'aliquota massima del 10,6 per mille sino al'11,4 per mille, in sostituzione della maggiorazione del tributo per i servizi indivisibili, applicata nella stessa misura per l'anno 2015 e confermata, senza soluzione di continuità, fino all'anno 2019. Per il corretto mantenimento degli equilibri di bilancio, si propone di mantenere la maggiorazione nell'aliquota ordinaria, applicata anche alle aree fabbricabili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda la proposta di spostamento di 15 giorni del pagamento dell’imposta, evidenzia la nota di palazzo Barbieri, «si tratta di una soluzione che non porta vantaggi economici significativi all’utenza. Infatti, la sanzione statale prevista per un ritardo dei pagamenti fino al 14° giorno è pari allo 0,1% del valore della tassazione». Dei quattro emendamenti collegati, due a firma del consigliere Tommaso Ferrari (Traguardi) sono stati dichiarati inammissibili dall'assessore Toffali e due, a firma del consigliere Bertacco, non sono stati accolti e, successivamente, respinti in fase di votazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

  • Regioni contro il Dpcm, la lettera: «Chiusura ristoranti alle 23, cinema e palestre aperti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento