menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Zaia con la bandiera del Veneto (Foto Facebook)

Zaia con la bandiera del Veneto (Foto Facebook)

Autonomia, insediato il comitato scientifico dell'osservatorio regionale

«Compiuto un grande passo - ha detto il presidente Zaia - Ci serve a costruire un percorso solido anche sul fronte dell'analisi dei dati»

In videoconferenza con il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, si è tenuta oggi, 18 febbraio, a Venezia, la prima riunione di insediamento del comitato scientifico dell'osservatorio regionale sull'autonomia differenziata. Il comitato scientifico ha lo scopo di supportare la Regione nella delicata fase di negoziazione con il Governo e nella successiva fase di attuazione della legge di differenziazione, attraverso l'apporto e il contributo di rappresentanti dell'amministrazione regionale, di rappresentanti del mondo universitario e di centri studi, centri di ricerca, enti, fondazioni, associazioni e ogni altro soggetto, pubblico o privato, di comprovata esperienza e qualificata competenza nel campo degli studi e delle analisi nelle materie per le quali la Regione chiede maggiore autonomia.
«Oggi è stato compiuto un grande passo - ha detto Zaia - perché parte una ulteriore iniziativa che affianca la nostra delegazione trattante e il cammino giuridico lungo tutto il percorso del Titolo V della Costituzione, e quindi dell'autonomia differenziata chiesta con il referendum. Al fianco c'è una significativa operazione con un grande valore culturale, tecnico e di diffusione, come quella dell'osservatorio, che ci serve a costruire un percorso solido anche sul fronte dell'analisi dei dati, sempre in rapporto al tema dell’autonomia».

Di recente, si è provveduto all'integrazione della composizione del comitato scientifico con la professoressa Anna Marenzi, in rappresentanza dell'università Cà Foscari di Venezia. Il comitato scientifico dell'osservatorio sull'autonomia differenziata è dunque composto dalla professoressa Marenzi e da: Mario Caramel, direttore dell'osservatorio; Maurizio Gasparin, segretario generale della programmazione della Regione Veneto; Alessandro Rota e Carlo Simionato, in rappresentanza del consiglio regionale del Veneto; Dimitri Girotto, in rappresentanza dell'università degli studi di Udine; Matteo Cosulich, in rappresentanza dell'università di Trento; Guido Rivosecchi, in rappresentanza dell'università degli Studi di Padova; Enrico Michetti, in rappresentanza della fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana e Alberto Cestari, in rappresentanza dell'associazione Cgia di Mestre.

Alla riunione di insediamento ha preso parte anche la delegazione trattante del Veneto, composta da professori, costituzionalisti ed esperti in materia economico-finanziaria, che in questi anni hanno supportato la Regione nei negoziati con il Governo.
Anche la composizione della delegazione trattante ha subito una variazione: è stata prevista la partecipazione di Luciano Flor, direttore generale dell'area Sanità e Sociale della Regione, in sostituzione di Ezio Zanon. Flor si è dunque unito a: Mario Bertolissi, ordinario di diritto costituzionale all'università di Padova; Andrea Ambrosi, docente di diritto costituzionale regionale all'università di Padova; Andrea Giovanardi, associato di diritto tributario presso l'università di Trento; Ludovico Mazzarolli, ordinario di istituzioni di diritto pubblico all'università di Udine; Giancarlo Pola, ordinario è preside della facoltà di economia dell'università di Ferrara; Dario Stevanato, ordinario di diritto tributario all'università di Trieste; Mario Caramel e Maurizio Gasparin.

È stata così avviata l'attività del comitato scientifico dell'osservatorio regionale sull’autonomia differenziata, che avrà il rilevante compito di condurre specifici studi e ricerche per supportare le richieste della Regione volte al riconoscimento di maggiori competenze legislative ed amministrative, e all’attribuzione delle correlate risorse, mediante la rilevazione e l’elaborazione di dati oggettivi e scientifici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Da Verona parte la crociata contro Sanremo, Castagna: «È diventato Sodoma e Gomorra?»

Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento