rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Politica

«Diminuiscono gli sbarchi ma i rimpatri sono ancora molto bassi»

A commentare la situazione italiana, sono i Consiglieri regionali Stefano Casali, Andrea Bassi e Fabiano Barbisan di Centro Destra Veneto - Autonomia e Libertà: «Il Ministro Salvini continui a lavorare in questa direzione»

«Diminuiscono gli sbarchi ma i rimpatri sono ancora molto bassi. Su 10 irregolari, solo 2/3 vengono rimandati al loro paese d’origine. Si continui a lavorare affinché chi non possiede i requisiti necessari lasci al più presto l’Italia». Con una nota i Consiglieri regionali Stefano Casali, Andrea Bassi e Fabiano Barbisan di Centro Destra Veneto - Autonomia e Libertà commentano la situazione italiana.

«Dall’entrata in vigore della legge 132 del 1 dicembre 2018 sulla sicurezza, che ha di fatto abolito la protezione umanitaria – spiegano - sostituita dal ‘DL sicurezza’ con permessi concessi per motivi speciali, come per esempio gravi condizioni di salute, violenza, calamità naturali, si sono viste negate parecchie richieste di permesso di soggiorno. Da inizio anno, su 87724 domande, ben 56755 sono state rifiutate riporta il Sole 24 Ore. Secondo le stime però, ancora 500000 immigrati irregolari sono in Italia senza averne i requisiti».

«Il Ministro Salvini continui a lavorare in questa direzione - concludono Casali, Bassi e Barbisan - le difficoltà sono molteplici, come è stato sollevato dalla stampa: alcuni paesi sono poco collaborativi e i rimpatri vanno a rilento. Ma non dobbiamo lasciarci intimidire. La politica deve dare messaggi forti e tutelare prima gli italiani e chi è in possesso dei requisiti».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Diminuiscono gli sbarchi ma i rimpatri sono ancora molto bassi»

VeronaSera è in caricamento