Ex Officine Adige. "Il centro commerciale peggiorerà il traffico a Verona Sud"

Compatte le forze di opposizione. PD, Lega Nord e M5S sono preoccupate per la viabilità della zona e la salute dei cittadini che la abitano. "Così peggiora la vivibilità del quartiere"

Un centro commerciale che offrirà 1000 posti di lavoro. Un investimento privato di 150 milioni di euro. 130 negozi eleganti. Un cantiere che avanza a velocità sostenuta, con un'elevata qualità architettonica e che si concluderà la prossima primavera senza sfruttare nuovo territorio ma costruendo sul costruito. Così si può sintetizzare la soddisfazione del sindaco Tosi, dopo il sopralluogo nell'area delle ex Officine Adige dove sorgerà un nuovo centro commerciale.

Soddisfatto Tosi, inviperita l'opposizione, preoccupata per il traffico che si verrà a creare in zona Verona Sud con la costruizione di un'altra area commerciale. "Nessuna delle problematiche emergenti a Verona Sud, dalla carenza di collegamenti di trasporto pubblico al conseguente rischio di collasso viabilistico, specie nei giorni di Fiera, era imprevedibile. La scelta di concentrare in una sola parte della città, già sfavorita sotto il punto di vista del carico urbanistico, quasi tutte le nuove aree commerciali avrebbe dovuto essere accompagnata da un’adeguata pianificazione che invece è mancata completamente - hanno scritto i consiglieri PD Michele Bertucco e Luigi Ugoli - L’area di Forte Tomba è inaccessibile alle biciclette e, più in generale, la situazione attuale rischia di aggravare anziché ridurre la separatezza che interessa tutta l’area che dalla Zai storica arriva fino a Cadidavid, mal servita dagli autobus e abbandonata al caos automobilistico. Chiediamo che la situazione sia affrontata con coerenza, destinando risorse strutturali all’implementazione del trasporto pubblico e della mobilità ciclistica".

Più duro l'attacco della Lega Nord, firmato dal segretario provinciale Paolo Paternoster: "L'area ex Officine Adige sarà presto trasformata in un immenso centro commerciale. L'ennesimo che, insieme ad Esselunga, Eataly e probabilmente Ikea porterà la zona sud di Verona ad essere senza ombra di dubbio il perimetro a livello mondiale con la più alta concentrazione di centri commerciali. Questo causerà moltissimi problemi sia di inquinamento, per l'infinito numero di auto che si concentreranno nella zona ma anche di traffico, con conseguenze pesantissime tutti i giorni dell'anno, festivi compresi (per non parlare dei periodi di fiera o di quello natalizio). I cittadini di Borgo Roma e dintorni sapranno bene chi ringraziare per questa problematica enorme che si riverserà soprattutto sulla loro salute. Per quanto riguarda poi i tanto promessi 1000 nuovi posti di lavoro, vorremmo chiedere ai commercianti e negozianti di tutta la zona sud della città se sono contenti o meno della nascita di questa serie infinita di centri commerciali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Troppi attrattori di traffico a Verona Sud creeranno ingorghi infiniti ad una zona già poco vivibile. Questa amministrazione è capace solo di fare false riqualificazioni insediando nuovi centri commerciali. Come opere compensative si prevedono svincoli, nuovi incroci, allargamenti di sedi stradali, tutte opere rivolte alla mobilità privata che andrà ad aggravare la già critica qualità dell'aria di queste zone". L'affondo di Gianni Benciolini, capogruppo M5S, cui segue quello del pentastellato in quinta circoscrizione Francesco Campara: "Le scelte attuate dall'amministrazione Tosi per Verona Sud segnano la fine di una quartiere già drammaticamente sotto pressione per traffico, inquinamento e vivibilità. Si parla di interventi viabilistici che renderanno snella la percorrenza delle strade, ma non è assolutamente vero. Tali scelte sono finalizzate solo a servizio dei centri commerciali e della grande distribuzione. Sono molti i cittadini preoccupati non solo del traffico che congestionerà le nostre strade, ma anche dell'inquinamento che verrà generato da esso, ma sembra che questa preoccupazione non sia nei pensieri del primo cittadino, che tra i compiti istituzionali ha anche quello di pensare alla salute della città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • La bella iniziativa del Comune di Bussolengo che favorisce il turismo e andrebbe imitata

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento