Lunedì, 18 Ottobre 2021
Politica Castelnuovo del Garda

Castelnuovo: al via il quinto Piano delle Politiche familiari

La famiglia sempre al centro delle scelte dell'amministrazione comunale, questo è l'intento che il sindaco Bernardi rilancia servendosi di uno strumento che è diventato il punto di riferimento a livello nazionale

Oggi, in Sala Rossa al Palazzo Scaligero, è stata presentata la quinta edizione del Piano integrato delle Politiche familiari del Comune di Castelnuovo del Garda. Erano presenti per il Comune di Castelnuovo: Maurizio Bernardi, sindaco; Giovanni Peretti, vicesindaco, assessore alla Famiglia e responsabile del Piano integrato delle Politiche familiari; Ilaria Tomezzoli, assessore alla Cultura e alla Scuola.

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA GIOVANNI MIOZZI - “Mettere la famiglia al centro dell'azione amministrativa significa rispettare la nostra Costituzione e dare un'applicazione pratica ai suoi principi. Ecco perché quando il Comune di Castelnuovo mi ha chiesto di presentare in Provincia il suo Piano delle Politiche familiari, che quest'anno è arrivato alla quinta edizione, gli ho messo a disposizione le nostre strutture con grande convinzione. L'erogazione dei giusti servizi ai cittadini e soprattutto la progettazione di formule che soddisfino le esigenze dell'utenza non sono compiti semplici per un amministratore, per riuscirci il Comune di Castelnuvo si è dotato di uno strumento innovativo. Si tratta di un buon esempio che mi auguro trovi la più ampia diffusione perché la famiglia – ricordiamolo – è la cellula primaria del nostro vivere sociale. Dal suo corretto funzionamento dipende la tenuta dell'intero sistema e so che i sindaci veronesi sono attenti a questi temi”.

Il Piano integrato delle Politiche familiari ha l'obiettivo di mettere la famiglia al centro delle scelte politiche dell'Amministrazione. Nel corso degli anni questo strumento si è notevolmente evoluto, diventando un punto di riferimento a livello nazionale e incrementando notevolmente il numero di progetti promossi: dai 60 degli inizi agli oltre 150 attuali, di cui la gran parte è pienamente operativa. Le famiglie rappresentano un importante capitale sociale per ogni comune, per questo è essenziale attivare un sistema di servizi e di politiche partecipate in grado di rispondere nel migliore dei modi alle richieste espresse. Ogni nucleo familiare deve quindi essere messo nelle condizioni di esercitare appieno le proprie funzioni, non solo dal punto di vista delle risorse, ma anche promuovendone la partecipazione nella gestione della cosa pubblica.

IL SINDACO DI CASTELNUOVO MAURIZIO BERNARDI - “L'aspetto più importante della 5^ edizione del Piano integrato delle Politiche familiari è quello strutturale. Abbiamo proposto una piattaforma dinamica nel sito del Comune attraverso la quale sarà possibile dare ordine e chiarezza a tutti i progetti che rientrano nel Piano. Il contenitore creato è innovativo, più facile da usare e da condividere. In questo modo possiamo proseguire la strada già intrapresa che porterà al passaggio dal welfare tradizionale a quello comunitario generativo, che significa l'apertura alla partecipazione degli utenti. Il nostro obiettivo è quello di mettere la persona al centro delle decisioni grazie ad un partecipazione congiunta di istituzioni, enti e società civile. Peculiarità del Piano è di realizzare progetti multidisciplinari in cui l'intreccio tra amministratori e comunità sia sottoposto ad un controllo costante in tutte le fasi. Il 'Fattore Famiglia' così potenziato è in grado di alleggerire la componente burocratica in una misurazione più precisa dell'ISEE per definire meglio le esigenze di ogni nucleo familiare. Il nostro Piano ha già avuto grandi riconoscimenti e la sua divulgazione vuole essere un aiuto concreto per tutte le amministrazioni che intendano seguire il nostro sistema”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelnuovo: al via il quinto Piano delle Politiche familiari

VeronaSera è in caricamento