Case di riposo e coronavirus, Businarolo: «Si creino strutture Covid»

La deputata veronese del M5S chiede di puntare sull'isolamento per limitare i contagi. E la consigliera regionale PD Bigon attacca Zaia: «Sbagliato negare difficoltà e ritardi»

(Foto di repertorio)

In tre case di riposo venete su quattro il coronavirus non è entrato; gli ospiti contagiati sono circa il 6%; gli operatori contagiati sono il 3,2%. Questi sono i dati diffusi ieri, 20 aprile, dalla Regione Veneto sulla presenza del virus nelle strutture per anziani del territorio. Dati basati sui test a tampone svolti in tutte le residenze sanitarie assistite, i quali continueranno nei prossimi giorni, in modo tale da avere una nuova istantanea dei contagi nelle case di riposo all'incirca ogni due settimane.

«Ma al di là dei numeri, troppe case di riposo si sono rivelate trappole mortali per gli anziani ospiti», ha dichiarato la consigliera regionale veronese del Partito Democratico Anna Maria Bigon, la quale segnala quanto sta avvenendo nelle case di riposo di Villa Bartolomea e di Mezzane. «A Villa Bartolomea si erano registrati già 36 decessi, oltre 20 a Mezzane, a cui vanno aggiunti i troppi contagiati, tra ospiti e operatori sanitari - scrive Bigon - Sono numeri inaccettabili e qualcuno dovrà risponderne. I lavoratori hanno denunciato la carenza di dispositivi di protezione individuale, dalle mascherine ai camici. E infatti molti di loro si sono ammalati, aggravando la carenza ormai cronica di personale. Negare le difficoltà da parte della Regione è sbagliato, così come i ritardi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bigon, dunque, continua ad attaccare la Regione e il suo presidente Luca Zaia evidenziando i focolai più preoccupanti di coronavirus nelle case di riposo veronesi. Ma ce ne sono anche altri, come a Sommacampagna, dove 13 ospiti della locale casa di riposo sono morti per Covid-19. E nella struttura per anziani di Pescantina, la percentuale dei contagiati ha superato il 60%. «Bisogna agire sull'isolamento, creando strutture dedicate a pazienti Covid - è il suggerimento della deputata veronese del Movimento 5 Stelle Francesca Businarolo - È urgente agire per ridurre il contagio che, nella fascia d’età degli ospiti, è particolarmente letale. Sono stati commessi degli errori e chi ha sbagliato dovrà pagare. Ora si faccia il possibile per limitare i danni, che possono costare ancora altre vite umane».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal reparto Covid-19 di Borgo Trento: «Sappiamo cosa ci aspetta per i prossimi mesi»

  • Quanta acqua devo bere al giorno? Ecco quello che non sapevi

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento