rotate-mobile
Politica

Case Ater, ombre sulla vendita

Le case Ater saranno probabile terreno di propaganda elettorale

La proposta di vendita degli alloggi Ater presentata dalla Giunta Regionale contiene aspetti quantomeno indecorosi. Malgrado venga presentata da mesi come se fosse di imminente approvazione, è stata appena depositata in Commissione regionale, quindi non se ne discuterà prima delle elezioni. Ma, scommetto, verrà intensamente usata dal centrodestra in campagna elettorale.


Il disegno di legge rischia di portare ad una svendita degli alloggi senza garanzie per i residenti: agli inquilini infatti è assicurato diritto di prelazione, ma se decideranno di non comprare (perché non hanno la possibilità economica) la loro casa sarà venduta a società private, che dopo 8 anni potrebbero anche decidere di mandarli via. Anche ammesso che le persone sfrattate trovino collocazione in un altro alloggio Ater, il costo di questi nuovi alloggi coprirebbe da solo tutti gli introiti che la Giunta Regionale si vanta di poter realizzare dalle vendite: alla fine le case disponibili sarebbero persino meno delle attuali, mentre migliaia di persone in difficoltà aspettano in graduatoria. La proposta ha il solo scopo di risparmiare sulle dovute manutenzioni di case pluridecennali, liquidandole e facendo cassa sulle spalle delle categorie più deboli. Invece come Pd proponiamo di vendere a prezzi agevolati solo agli inquilini e di recuperare la possibilità, esistente fino ad alcuni anni addietro, di pagare volontariamente rate più alte di affitto con la prospettiva di poter acquistare a riscatto la propria abitazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case Ater, ombre sulla vendita

VeronaSera è in caricamento