Casa di Giulietta: «Qualcosa non torna. L'amministrazione mostri le carte»

Michele Bertucco interviene sulla questione del progetto e piano finanziario: «I parametri fondamentali restano più o meno quelli circolati dei mesi scorsi con la novità della durata della concessione, stata stabilita in 18 anni»

La Casa di Giulietta - Immagine di repertorio

È stata pubblicata la delibera di giunta che assegna l’”interesse pubblico” alla proposta di Mox Corporation per la gestione del cortile e della Casa di Giulietta e “apre” ad eventuali proposto alternative che tuttavia difficilmente arriveranno.

È Michele Bertucco, consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune, ad esporre i proprio dubbi sulla meta turistica situata in via Cappello, al centro di un progetto e piano finanziario

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Posto che il piano economico finanziario (Pef) rimane secretato, i parametri fondamentali restano più o meno quelli circolati dei mesi scorsi (investimento privato da 5,4 milioni, vengono assicurati al Comune 1,2 milioni) con la novità della durata della concessione che, diversamente da altre ipotesi precedenti, è stata stabilita in 18 anni sia per la casa che per il cortile.
In modo abbastanza sorprendete si apprende inoltre che sono tuttora in corso “analisi di sostenibilità del Progetto e valutazioni sulle procedure (di pubblicità e trasparenza, nda) da parte dell’Avv. Prof. Giovanni Sala”. Questo “imprevisto” di dice due cose: la prima, che quando vuole, l’amministrazione sa trovare i soldi per consulenze e pareri tecnici che erano stati negati su alcuni nodi urbanistici come il Pua San Rocchetto; seconda cosa, che non è “tutto a posto” come cercano far credere da due anni.
A questo punto è necessario portare in commissione consiliare un confronto finora confinato alle "segrete stanze" per capire quali sono gli elementi della proposta di Mox che ancora non tornano. L'ultima parola sull'assegnazione dell'interesse pubblico spetta infatti al Consiglio comunale.
Ad esempio: è vero che il Comune mantiene la proprietà del marchio, ma lo cede in concessione ai proponenti per la creazione di una linea di prodotti dedicata a Giulietta. Come è stata contabilizzata nel Pef questa opportunità economica? Qual è, in generale, il rischio di impresa che il proponente si assume con questa proposta? L’amministrazione mostri le carte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 5 al 7 giugno 2020

Torna su
VeronaSera è in caricamento