rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Politica Zai / Viale del Lavoro

Caro bollette, arrivano gli aiuti del governo per famiglie ed imprese, Draghi: «Mettiamo in campo 8 miliardi»

Esultano i parlamentari veronesi della Lega: «Grazie alla battaglia di Matteo Salvini e della Lega ora il governo inizia a stanziare risorse economiche per alleviare una situazione insostenibile per aziende, famiglie ed amministrazioni locali»

Il Consiglio dei ministri odierno, venerdì 18 febbraio, ha approvato il nuovo intervento in favore di famiglie ed imprese per calmierare i costi in bolletta dovuti al cosiddetto caro energia. Si aggira intorno ai 5,8 miliardi di euro, per quanto riguarda il secondo trimestre, il valore degli interventi sulle bollette. Questi comprendono per 3 miliardi l'azzeramento degli oneri di sistema sull'elettricità, sia per le famiglie che per le piccole e medie imprese, nonché per le imprese più grandi, oltre alla riduzione dell'Iva sul gas al 5% per circa 590 milioni euro.

È prevista inoltre la riduzione degli oneri sul gas per 480 milioni euro, quindi anche il rafforzamento del "bonus sociale" per 500 milioni euro. Tra gli interventi anche il credito di imposta per le imprese cosiddette "energivore" per 700 milioni euro e per le imprese "gasivore" per circa 500 milioni euro.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha spiegato che il governo interviene «in maniera strutturale per aumentare la produzione di gas italiano e per velocizzare e semplificare l’installazione di impianti di energia rinnovabile». In relazione al caro bollette ha poi spiegato che non è previsto alcuno scostamento di bilancio, ma vengono messi in campo «8 miliardi di euro, di cui 6 per provvedimenti sull'energia».

Grande soddisfazione è stata espressa da parte dei parlamentari veronesi della Lega Lorenzo Fontana, Roberto Turri, Vania Valbusa, Paolo Paternoster, Vito Comencini, Paolo Tosato e Cristiano Zuliani, all'esito dell'approvazione dei provvedimenti in Consiglio dei ministri: «Grazie alla battaglia di Matteo Salvini e della Lega ora il governo inizia a stanziare risorse economiche per alleviare una situazione insostenibile per aziende, famiglie ed amministrazioni locali. Siamo stati i primi a dare voce al dramma di cittadini e attività economiche e non possiamo che essere soddisfatti per questo primo grande passo per abbattere il costo delle bollette ma occorrono, senza dubbio, ulteriori misure».  

Anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha espresso soddisfazione commentando gli stanziamenti nazionali in arrivo contro il caro bollette: «Per una Regione come il Veneto, la cui economia è fondata sulla piccola e media impresa, il commercio, la famiglia gli stanziamenti contro il caro bollette in arrivo dal governo sono significativi. Serviranno altri interventi, ma il passo è importante. Ringrazio tutti coloro che si sono spesi per questo risultato e la determinazione messa in campo dagli esponenti nazionali della Lega».

«In questo momento difficile – ha aggiungto Zaia – la priorità andava alle famiglie, agli artigiani, alle imprese e ai commercianti, e così è stato. Bene anche l'incremento della produzione nazionale di gas, la semplificazione per la crescita di energie rinnovabili, l'intervento fiscale sui grandi guadagni di poche mega aziende da redistribuire a migliaia di piccole imprese».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro bollette, arrivano gli aiuti del governo per famiglie ed imprese, Draghi: «Mettiamo in campo 8 miliardi»

VeronaSera è in caricamento