Cambio di consegne, Pisa entra in Giunta

L'ex consigliere leghista sostituir Tosato come nuovo assessore ai Giardini e alle Strade

Cambio di consegne, Pisa entra in Giunta
E’ stato ufficializzato stamane, nella sala Arazzi di Palazzo Barbieri, il nuovo assessore a Giardini, Strade e Arredo urbano, Luigi Pisa. A chiamare a sé l’ormai ex consigliere di lunga data in quota Lega Nord, è stato il sindaco Flavio Tosi in persona, con i vertici del movimento padano, il segretario cittadino e presidente Amia, Paolo Paternoster, quello provinciale Matteo Bragantini e l’uscente Paolo Tosato, promosso in Consiglio regionale alle scorse elezioni. Si chiude così, con il foglio di dimissioni presentato davanti al primo cittadino, la polemica sorta alcuni giorni fa circa il dubbio sul doppio incarico che Tosato avrebbe dovuto risolvere al più presto, almeno secondo l’opposizione in Comune.

“La correttezza di Tosato- spiega Tosi- è stata dimostrata dal fatto che ha subito presentato la domanda di dimissioni per non incorrere in certe lungaggini burocratiche e per mettere a tacere gli eventuali detrattori. Ci sono tempistiche da rispettare e all’interno del nostro movimento la nostra scelta è ricaduta su Luigi Pisa a cui va il nostro benvenuto e i migliori auguri per continuare a fare bene con deleghe così importanti”. A Tosato giungono i ringraziamenti anche di Bragantini che presenta Pisa con le migliori referenze: “Un modo per garantire continuità e sicurezza è stato quello di scegliere Pisa, persona con una grande esperienza, sia da politico che da amministratore. Tutto questo per dare risposta maggiore e concrete alle esigenze dei cittadini. Ci aspettiamo quindi un grande lavoro nel rispetto di ciò che l’ex assessore Tosato ha promosso finora”.

Lascio il Comune dopo 12 anni con nostalgia, nove come consigliere e tre come assessore- apre Tosato- L’esperienza dell’amministrazione Tosi rimarrà nella storia della nostra città e io sono orgoglioso di averne fatto parte. Ora in Regione vedrò di fornire un punto di riferimento per Verona”. Per Tosato, infatti, già si sono aperte le porte da vicecapogruppo leghista a Venezia e ora lo attendono le nomine come membro di tre commissioni: agricoltura, statuto e bilancio. A prendere parola è poi l’entrante e neo promosso assessore Luigi Pisa: “Proverò a lavorare proseguendo l’ottimo lavoro fini qui avanzato, la mia abitudine è quella di stare in mezzo ai cittadini e fornire loro tutto il supporto possibile. Dopo 16 anni è arrivato il mio turno e cercherò di non deludere”. Il cosiddetto rimpasto finirà idealmente fra quattro giorni, quando si deciderà il sostituto che prenderà in mano le deleghe della Viabilità, rimesse a Tosi dall’assessore Enrico Corsi, che terrà per sé solo quelle delle infrastrutture “per meglio concentrare l’attenzione sulle grandi opere come il Traforo”.

La proverbiale “matassa” nomine sembra dipanarsi lentamente e se per il posto ora affidato a Pisa si era speso il nome di Andrea Miglioranzi della Lista Tosi, ora lo stesso nome potrebbe baluginare in quella delega lasciata vacante da Corsi. Precisa Tosi: “Si è fatto un gran parlare di Miglioranzi per prendere il posto di Paolo Tosato ma abbiamo scelto di tenerlo a capogruppo della Lista in Comune poiché, ora come ora, il suo ruolo è indispensabile. Troveremo un modo per ricompensarlo adeguatamente per il gran lavoro che sta facendo in Comune”.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento