Bonus per le partite Iva ai politici, Montagnoli: «L'ho chiesto per fare beneficenza»

Il consigliere regionale della Lega ha ammesso di aver fatto la richiesta con un post su Facebook e poi ha attaccato: «Nessuno mi toglie dalla testa che la vicenda Inps sia stata montata a livello mediatico»

Alessandro Montagnoli - Immagine d'archivio

Con un post pubblicato sul proprio profilo Facebook, Alessandro Montagnoli, consigliere regionale della Lega (ed anche ex parlamentare) ha confessato di essere tra coloro che ha beneficiato del bonus per l'emergenza Covid-19 destinato alle partite Iva

«Ci sono momenti nella vita in cui puoi fare finta di nulla o scegli di dire semplicemente come stanno le cose. Ho deciso di affrontare questa situazione a testa alta.
Durante l’emergenza coronavirus in forma anonima ho aiutato delle realtà sociali impegnate nella sanità del territorio.
Quando è uscito il decreto Cura Italia, che riguardava tutti i lavoratori autonomi, ho deciso con mia moglie di richiedere il bonus con l’intento fin da subito di devolverli per l’emergenza covid e a chi lavora nella protezione civile. Ho sbagliato: con il senno di poi ho fatto una leggerezza, ma in buona fede. Questi soldi ero sicuro sarebbero stati spesi bene, dal territorio per il nostro territorio».

Montagnoli avrebbe già spiegato la vicenda al Governatore Zaia, ma ora rischia di veder saltare la propria candidatura alle regionali e di venire sospeso dal partito. 
Il consigliere poi, nella nota affidata ai social, lancia un attacco al Governo e definisce "strumentale" la bufera che si è scatenata sulle richieste per il bonus arrivate dal mondo della politica. 

«Lasciatemi però dire una cosa. Nessuno mi toglie dalla testa che la vicenda Inps sia stata montata a livello mediatico con un obiettivo: spostare l’attenzione da una gestione fallimentare dell’emergenza a livello governativo.
Il mio pensiero va ora anche a tutti quei sindaci e consiglieri comunali sotto attacco per la strumentale fuga di notizia dell’Inps.
Certo della mia buona fede, di aver agito con onestà e nel rispetto delle regole vado avanti a testa alta nel mio impegno verso i cittadini. Come sempre».

In molti hanno commentato le parole di Montagnoli su Facebook: alcuni apprezzano la confessione del consigliere e la sua scelta, altri invece la contestano duramente, chiedendo le dimissioni e sottolineando il fatto che per fare beneficenza avrebbe dovuto utilizzare le proprioe risorse e non quelle destinate a delle altre classi in difficoltà. 
Resta ora da vedere quali altri nomi verranno a galla e quali saranno le decisioni dei partiti coinvolti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento