Fondazione Arena. PD: "Chiederemo che siano destinati 3 milioni di euro"

In commissione prima e in Consiglio poi si deciderà sul contributo da parte del Comune all'ente lirico e dall'opposizione si chiede di destinare di più del milione e mezzo previsto

"Il bilancio d’esercizio 2015 della Fondazione Arena chiude con una perdita di 1,39 milioni di euro. Il risultato negativo è dovuto alla mancanza di innovazione che non ha fatto decollare il botteghino e alla mancanza di contribuzione da parte dei soci, Comune in testa. Nella decisione di giunta dell’8 marzo 2016 l’amministrazione comunale disponeva infatti di stanziare per i bisogni della Fondazione Arena fino a 3 milioni di euro salvo adesso tirare il freno a mano con la proposta di deliberazione che andrà in Consiglio dove troviamo un contributo di soli 1,5 milioni che andranno sul bilancio 2016".

Fotografa così la situazione della Fondazione Arena il PD di Verona. Il commissario Carlo Fuortes ha depositato il suo piano di risanamento dell'ente al ministero. Si attende dunque un sì da Roma per accedere alle agevolazioni della Legge Bray, ma si attendono anche dei sì dal Comune di Verona, in commissione e in Consiglio comunale, per un contributo che permetta al bilancio 2015 della fondazione di chiudere in attivo. Per questo il Partito Democratico attacca: "L’immobilismo della gestione Tosi-Girondini ha fatto saltare il contributo straordinario di 1,5 milioni di euro della Camera di Commercio in quanto vincolato all’attuazione del piano industriale stilato dalla società Kpmg rimasto però lettera morta. Occorre comunque osservare che da parte della Camera di Commercio non è stato deliberato nemmeno il contributo ordinario di 500 mila euro. Il commissario straordinario che ha firmato il bilancio 2015 ha ritenuto in via prudenziale di non inserire parte del Fus pure riconosciuta alla Fondazione a seguito del famoso ricorso al Tar. Quanto all’anticipo del Fus 2016, esso deve essere finito direttamente nelle casse delle banche creditrici verso le quali l’esposizione della Fondazione Arena è diminuita del 50% passando dai 16 agli 8 milioni di euro. In compenso sono aumentati da 11,4 milioni a 13,6 milioni i debiti verso i fornitori". 

"È inconcepibile che il Comune non si assuma pianamente la responsabilità di un passaggio così delicato che vede la Fondazione Arena uscire dalle secche principalmente grazie ai sacrifici dei lavoratori - ha commenta il capogruppo PD Michele Bertucco - per questo motivo in Consiglio chiederemo di destinare alla Fondazione Arena 3 milioni di euro come era negli impegni della giunta nel marzo 2016".

Secondo il consigliere Eugenio Bertolotti: "Imputare al cattivo tempo il tonfo della stagione 2014 non è stato uno spunto di grande visione manageriale poiché vediamo che nel 2015 i risultati non sono stati di gran lunga migliori. Questi dati mettono in luce l’inconsistenza di un management non incapace di innovare pur con un budget limitato. Gli altri teatri nostri pari stanno andando bene, perché Fondazione Arena non riesce a riprendersi?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'8 all'11 novembre 2019

  • Terribile frontale tra auto e camion nella notte: perde la vita un 34enne

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Accoltellamento a Verona, un uomo in ospedale: caccia agli aggressori

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

Torna su
VeronaSera è in caricamento