Fusione Agsm-Aim, Bertucco: «Ma si fa? Il sindaco tace, oppure dorme»

Il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune: «Informazione sulle operazioni a cui Agsm sta lavorando pari a zero. Nessuno è in grado di dire che cosa accadrà domani»

Loghi di Aim e Agsm

«L’informazione sulle operazioni a cui Agsm sta lavorando è pari a zero: ai consiglieri comunali non viene consegnata alcuna documentazione e lo stesso sindaco è stato smentito più volte. Nessuno è in grado di dire che cosa accadrà domani. Così mal messi, non si arriva da nessuna parte». È il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco a sottolineare il silenzio calato attorno ad Agsm.

Dopo il voto favorevole all'aggregazione con Aim, infatti, è sorta subito una spaccatura all'interno della politica locale. Da una parte c'è il presidente di Agsm Daniele Finocchiaro, supportato dal sindaco di Verona Federico Sboarina, che in sostanza giudica non sufficiente la fusione tra le due principali multiservizi di Verona e Vicenza. Per Finocchiaro ci sarebbe bisogno di un terzo partner industriale e questo terzo partner sarebbe stato individuato in A2A. Dall'altra parte ci sono pezzi della maggioranza, come Verona Domani e Lega, che invece criticano Finocchiaro e sono scettici sull'accordo con A2A, visto come una «svendita» di Agsm al colosso lombardo. Meglio dunque non affrontare la questione, per non accentuare queste posizioni divergenti. «Il sindaco tace, oppure dorme, che è la stessa cosa - sostiene Bertucco - Roba da mettersi le mani nei capelli, anche perché alla base della contesa non c'è alcuna tenzone ideale, solo dei miseri conti di poltrone e di posti in giunta, in Regione e nelle altre aziende partecipate. E arrivati a questo punto di degrado è legittimo chiedersi se anche l'aggregazione Agsm-Aim non sia destinata a saltare».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La situazione è grave ma non è seria - conclude il consigliere comunale di opposizione - Centinaia di lavoratori attendono di conoscere quale sarà il loro destino e restano da valutate le proposte di partnership che le altre multiutility del Nord Italia hanno voluto presentare ad Agsm. Tutte questioni fondamentali, che mettono in gioco la reputazione e la credibilità di un'intera città, che non possono essere decise con l'opacità vista finora, ma neanche lasciate all'opportunismo politico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento