menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una passata protesta dei lavoratori di Fondazione Arena (Foto di repertorio)

Una passata protesta dei lavoratori di Fondazione Arena (Foto di repertorio)

Fondazione Arena, Bertucco: «Lavoratori unici a pagare la crisi»

Il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune commenta la vicenda della restituzione di una parte del salario del 2014 che i dipendenti dell'ente lirico hanno ricevuto

I lavoratori continuano ad essere gli unici a pagare la crisi di Fondazione Arena.

È l'opinione di Michele Bertucco, consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune, sulla vicenda della restituzione di una parte del salario del 2014 che i dipendenti dell'ente lirico hanno ricevuto. Dipendenti che poi si sono fatti sentire con una lettera indirizzata a Federico Sboarina, sindaco di Verona e presidente di Fondazione Arena.
«Per quanto è dato sapere - scrive Bertucco - sindaco e Consiglio di Indirizzo non hanno mosso un dito per evitare questo triste epilogo che suona come l'ennesimo sberleffo nei confronti di chi, con il proprio sacrificio, ha permesso di salvare dalla bancarotta la Fondazione Arena».

Durante gli anni del risanamento, infatti, i lavoratori di Fondazione Arena hanno dovuto rinunciare a due mesi di stipendio per rimettere in sesto il bilancio dell'ente. Ed ora che la fase di risanamento è finita, è arrivata una nuova tegola per i dipendenti che cinque anni fa avrebbero percepito indebitamente una parte del loro stipendio

Ma siccome al peggio non c'è mai fine, i soldi restituiti contribuiranno a nascondere gli sprechi che ancora appesantiscono il bilancio della Fav - conclude Bertucco - Distantissima dalle promesse di una gestione oculata e partecipata, la gestione De Cesaris-Sboarina ha gravato l'ente lirico di ulteriori costi inutili istituendo nuove figure dirigenziali senza rimuovere le zavorre che da decenni tengono inchiodata l'azienda. Inoltre tutto questo fior fior di "squadra" messa insieme dal sindaco non è stata in grado di partorire un piano industriale degno di nota ma ha appaltato il compito ad una società esterna grazie ad un finanziamento della Camera di Commercio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento