Verona, nuovo stadio a costo zero. Bertucco: "Stop ai facili entusiasmi"

Il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune è critico e con lui anche il PD. Il Comune ha iniziato la procedura per vedere se ci sono privati intenzionati a costruire l'impianto con un project financing semplificato

Lo stadio Bentegodi

Un nuovo stadio per la città di Verona a costo zero per i cittadini. È quello che vorrebbe realizzare il Comune, che ha dato il via libera alla procedura per verificare se ci siano dei privati che abbiano intenzione di costruire e gestire la struttura, accordandosi con Hellas e Chievo. Si parla di un impianto da 30mila posti, aperto tutti i giorni perché al suo interno ci sarebbero negozi e ristoranti. Il tutto realizzato attraverso un project financing semplificato e nell'alveo della cosiddetta Legge sugli Stadi varata da Roma nel 2017.

Un sogno per gli sportivi veronesi, ma il consigliere comunale del PD Federico Benini e i democratici della terza circoscrizione chiedono di fare attenzione alle cifre, perché l'opera potrebbe non essere davvero a costo zero.

Si fa riferimento ad un nuovo stadio più piccolo di quello odierno, che può contenere 40mila spettatori - riferiscono dal PD - Uno stadio di questa tipologia costa circa 130 milioni, oltre alle spese di demolizione dello stadio attuale. Il che vorrebbe dire che un privato nel giro di pochi anni deve ritornare delle spese. Intanto verrebbe a meno il canone di circa 450mila euro che annualmente il comune riscuote da Chievo ed Hellas per l'utilizzo del Bentegodi, pertanto se la matematica non è un'opinione, non è vero che per il Comune non è un costo, perché verrebbero meno i canoni di affitto dello stesso. Tuttavia ci vorrebbero circa 250 anni affinchè l'impresa costruttrice ritorni dei costi dello stadio, tramite i canoni di affitto. Ecco quindi aperta la strada a negozi, hotel, residenziale e centri commerciali come prevede la nuova legge sugli stadi. Le domande da porre sono: dove verranno create queste nuove strutture dato che nel quartiere stadio non vi è nessuna possibilità di costruire? Non è per caso che si vuole mettere mani sulla verde area della Spianà? Il quartiere stadio ha davvero bisogno di essere massacrato di lottizzazioni solo per avere una struttura sportiva esteticamente più carina, ma più piccola e con importanti costi per il Comune di Verona, per i cittadini e per i residenti dello stadio?

Critico sul nuovo stadio anche il consigliere comunale Michele Bertucco di Verona e Sinistra in Comune.

La questione del nuovo stadio potrà andar bene come tormentone politico estivo in mancanza di proposte concrete da parte dell'amministrazione sui problemi più urgenti della città - scrive Bertucco - Ma da qui a parlare di un progetto concreto, ne correrà parecchio. Ammesso sia sostenibile, un nuovo stadio richiede tutta una serie di varianti urbanistiche la cui produzione non è immediata. Stendiamo un velo pietoso sul sindaco che rispolvera il vecchio slogan delle opere a costo zero: come abbiamo abbondantemente dimostrato in epoca tosiana, nulla è a costo zero. Il rischio concreto è di ritrovarci tra qualche mese con una proposta di progetto di finanza che chiederà al Comune una pesantissima cementificazione a sostegno del piano economico finanziario dei proponenti. Stop ai facili entusiasmi, quindi, abbiamo assistito alla nascita e alla morte di proposte simili numerose volte negli ultimi anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento