rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Politica

Bertucco: "Esposto Arena Extra? Solo l'ultimo esempio di molte zone d'ombra"

Dall'esposto sui rapporti Fondazione-Arena Extra alla proposta per un garante comunale per le nomine, Bertucco si scaglia "Contro furbetti e cerchietti magici"

Dall'esposto sui rapporti Fondazione-Arena Extra alla proposta per un garante comunale per le nomine, il candidato sindaco del Pd Michele Bertucco si scaglia "Contro furbetti e cerchietti magici".

"Il caso della buonuscita - scrive il candidato del Pd in una nota - che sarebbe stata offerta dal Sovrintendente Francesco Girondini al maestro Umberto Fanni, come dichiarato dallo stesso, per abbandonare la direzione artistica della Fondazione Arena dopo la “scoperta” del doppio incarico di quest'ultimo a Verona e a Brescia, da pagarsi mediante Arena Extra, ente strumentale generato dalla stessa Fondazione, rappresenta soltanto l'ultima della zone d'ombra che circondano il rapporto tra Fondazione Arena e Arena Extra".

"Innumerevoli volte, ma senza successo, a partire dal 2009, anno di costituzione di Arena Extra - ricorda Bertucco- i gruppi consiliari del Partito Democratico in Comune e in Provincia hanno chiesto all'amministrazione in carica di fornire chiarimenti in merito al rapporto tra i due enti di diritto pubblico, insistendo, in particolare, sul doppio incarico di Francesco Girondini, ad un tempo sovrintendente della Fondazione e amministratore unico di Arena Extra; sul doppio incarico di Gianmarco Mazzi, ad un tempo nominato da Girondini direttore operativo di  Arena Extra e comproprietario al 50% di Run Multimedia, società a cui è stata affidata la regia dei maggiori spettacoli in Arena (Music Awards; Galà della Lirica; Opera on Ice); nonché sulla destinazione dei proventi di queste manifestazioni e sulla valorizzazione delle maestranze della Fondazione (orchestra, coro, tecnici) nelle iniziative di Arena Extra".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bertucco: "Esposto Arena Extra? Solo l'ultimo esempio di molte zone d'ombra"

VeronaSera è in caricamento