Ex circolo Unicredit di Ponte Crencano, Bertucco: «Parte la cementificazione»

Il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune: «L'amministrazione ha ceduto alla fame di cemento della propria maggioranza e manca una politica urbanistica adeguata. Così si lascia un quartiere in forte difficoltà»

L'area interessata dalla lottizzazione (Foto 3D Gmaps)

La giunta comunale di Verona ha approvato l'accordo di pianificazione con la società Eureka, proprietaria di un'area in zona Ponte Crencano in cui sono previste circa 2.400 metri quadrati di nuove edificazioni. «Vuol dire che presto vedremo le ruspe entrare in azione all'ex circolo Unicredit - ha denunciato il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco - Ma in questo modo sono stati condannati alla cancellazione totale i campi da tennis e l'ultima area verde rimasta a Ponte Crencano».

«La mancanza di polso dell’amministrazione, che ha ceduto alla fame di cemento della propria maggioranza, e la mancanza di una politica urbanistica adeguata, lascia un quartiere in forte difficoltà», ha proseguito Bertucco, il quale ha ricordato che non molto distante dalla lottizzazione della ditta Eureka ce n'è un'altra ancora più grande, quella della ex Bam, attualmente bloccata dall'iniziativa del Comitato Asma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Abbiamo visto con le ultime piogge torrenziali quanto gravi siano i danni causati al territorio da decenni di cattiva gestione del suolo, una gestione proseguita anche negli ultimi tre anni di amministrazione Sboarina - ha aggiunto ancora il consigliere comunale - Ma la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente. Gli uffici mi hanno confermato che sulla Variante 23 pendono almeno dieci ricorsi da parte di altrettanti soggetti che si sono visti negare o bocciare le proprie proposte di edificazione in varie aree della città. Tutti o quasi lamentano una disparità di trattamento. Era chiaro come il sole, e lo avevamo più volte denunciato, che in questo modo l’amministrazione avrebbe creato dei pericolosi precedenti. E ora i nodi vengono al pettine, ma a farne le spese saranno ancora una volta i quartieri».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • Elezioni in Veneto: come si vota? Dal voto disgiunto alle preferenze, tutte le informazioni

  • Elezioni del 20 e 21 settembre 2020: come si potrà votare e per cosa

  • Zaia ha anche un lista tutta sua, ecco i candidati in provincia di Verona

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 settembre 2020

  • Citrobacter, provvedimento disciplinare alla direttrice della microbiologia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento