Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica Centro storico / Via del Pontiere

Civati a Verona: "Le ricette di questo governo fanno diventare populisti gli esclusi"

Giuseppe Civati ha organizzato a Verona una "Anti-Leopolda" con il suo movimento politico Possibile. Gremita la Fonderia Aperta sede dell'incontro

L'ex membro del Partito Democratico Giuseppe Civati è tornato a Verona. In una gremitissima Fonderia Aperta in via del Pontiere, domenica 13 dicembre il fondatore del movimento politico "Possibile" ha tenuto un incontro in parallelo temporale con la Leopolda di Matteo Renzi a Firenze. Proprio l'attuale governo è stato il protagonista dell'intervento di Civati.

Su L'Arena, alcuni stralci del discorso del giovane politico ora antagonista del PD, che di Renzi dichiara: "Commenta i giornali, dileggia la maggioranza del Paese che non è con lui, insulta chi non è d'accordo e con chi come Saviano pone semplici domande che chiedono solo risposte, ma perché alla Leopolda non c'è anche una slide su Banca Etruria? È prigioniero della sindrome da lesa maestà, come se il governo fosse la sua famiglia reale. Le ricette di questo governo fanno diventare populisti gli esclusi e la metafora delle banche si addice bene anche a questa politica: vendono titoli che non sono veri, le clausole di salvaguardia sono semplicemente tasse spostate e le promesse sono ormai diventate vecchie".

In merito al suo movimento politico, invece, Civati dichiara che "funzionerà se organizza un campo molto più grande di se stesso, ritrovando la cultura di un progetto collettivo".

Sul palco insieme a Beppe Civati sono saliti altri ospiti, tra cui il politologo Gianfranco Pasquino e l'ex ministro Vincenzo Visco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Civati a Verona: "Le ricette di questo governo fanno diventare populisti gli esclusi"

VeronaSera è in caricamento