Raduno CasaPound, Bacciga: «Bertucco è la sinistra intollerante». Mistero sulla location

Il consigliere Bacciga contro Michele Bertucco, a suo dire, incarnazione della «sinistra pronta a proibire». Restano però al momento disattese le sue domande, mentre si scopre che negli stessi giorni del raduno di CasaPound si terrà a Verona anche un evento di segno diverso

Manifestazione in piazza Bra di Casapound - immagine d'archivio via Facebook

«A settembre ci sarà il raduno nazionale di CasaPound a Verona. Non appena è venuto a sapere della notizia il non più giovane Bertucco, preso da ansia e agitazione, subito si è fiondato in Comune a rovistare tra le carte. È la perfetta rappresentanza della sinistra: massimalista, vecchia, intollerante, pronta ad attivarsi per proibire». Lo sostiene il consigliere di maggioranza a Verona Andrea Bacciga che ha voluto commentare così la richiesta di chiarimenti ufficiali, rivolti all'amministrazione scaligera da Michele Bertucco, in relazione al prossimo evento "Direzione Rivoluzione" promosso dalla formazione politica CasaPound.

Bertucco, consigliere di minoranza a Palazzo Barbieri per la lista Verona e Sinistra in Comune, aveva sollevato ieri il tema sottolineando il fatto che ad oggi non è stato precisato il luogo esatto dove tale raduno nazionale dovrebbe tenersi a settembre. Il volantino ufficiale divulgato da CasaPound riporta infatti il nome della città, Verona per l'appunto, elenca i nomi delle band musicali (rigorosamente di «musica alternativa di destra» direbbe qualcuno...), ma omette di specificare il luogo preciso di svolgimento della manifestazione lunga ben quattro giorni. Il consigliere Bertucco ha quindi fatto sapere di aver inoltrato agli uffici comunali competenti la domanda circa eventuali richieste pervenute per la concessione di spazi ed, eventualmente, di chiarire «quale area sia stata assegnata a CasaPound, se vi sia patrocinio da parte del Comune di Verona e se siano previsti contributi da parte del Comune di Verona».

Richieste, queste ultime, che restano al momento in attesa di ricevere risposta ufficiale, ma che nel frattempo hanno spinto il consigliere Andrea Bacciga ad andare al contrattacco: «Non è la prima volta che la sinistra si muove per impedire eventi che sono opposti alle proprie idee. - spiega in una nota il consigliere di maggioranza Bacciga - Non ricordo eventi culturali negli ultimi due anni organizzati da Bertucco. Forse starò invecchiando anch’io e così pure la mia memoria. O forse il consigliere è più impegnato, come tutta la sinistra, a ostacolare eventi piuttosto che a farne».

Di segno opposto invece il commento all'iniziativa, affidato sempre ad una nota, da parte del Circolo Pink di Verona: «La notizia era già girata, si sapeva che CasaPound, la cui sede è poco lontana dalla nostra del Pink e da altre sedi in Veronetta, ha scelto Verona per tenere la sua "festa" nazionale. Un caso? Crediamo proprio di no. Aspettiamo dunque l'ubicazione della festa, - concludono gl esponenti del Circolo Pink - chiedendoci se l'amministrazione veronese farà in qualche modo da sponsor, o metterà a disposizione spazi pubblici».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i più attenti alle coincidenze, talvolta forse frutto soltanto del caso beffardo, da segnalre il fatto che proprio dal 5 all'8 settembre (gli stessi giorni in cui dovrebbe tenersi il raduno nazionale di CasaPound), sempre a Verona, è in programma una manifestazione promossa tra gli altri dalla sigla "Veronesi aperti al mondo". Si tratta del festival "Le città invisibili" che è annunciato tenersi a Quinzano e che vedrà quali macrotemi per ciascuna giornata «lavoro e scuola, ambiente, diritti e migrazioni». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Ristorante veronese: "Chiuso.. fino a sepoltura del nostro amatissimo Giuseppe Conte"

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Regioni contro il Dpcm, la lettera: «Chiusura ristoranti alle 23, cinema e palestre aperti»

  • Nuovo Dpcm, c'è la firma del premier Conte: stop servizio al tavolo nei locali dalle ore 18

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento