rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Politica Centro storico / Piazza Bra

Calenda strappa con M5S, Tommasi prova a ricucire: «L'obiettivo comune è far cambiare pagina a Verona»

Il candidato sindaco per il centrosinistra Damiano Tommasi: «La più importante partita non si gioca dentro la coalizione ma al di fuori, per far sì che Verona volti pagina il prima possibile»

«Verona ha bisogno di cambiare marcia e di farlo esattamente con una persona con lo spirito di Damiano Tommasi. Un candidato sindaco con un’anima comunitaria che si è messo in gioco liberamente, con un programma serio, solo per amore della città». Così scrive su Facebook Carlo Calenda, segretario di Azione, poche ore dopo la sua presenza a Verona per sostenere appunto la candidatura dell'ex centrocampista della nazionale italiana.

Post Facebook Carlo Calenda a Verona maggio 2022-2

Post Facebook Carlo Calenda a Verona 16 maggio 2022

Nel suo tour per la campagna elettorale in vista delle amministrative del 12 giugno, Carlo Calenda è stato anche nella vicina Padova dove Azione si schiera apertamente a sostegno del sindaco uscente Giordani, senza tuttavia inserire il proprio simbolo. Il motivo? A spiegarlo è un altro recentissimo post Facebook di Carlo Calenda: «Sergio Giordani è stato un ottimo sindaco per Padova e per questo lo appoggeremo convintamente. Purtroppo il simbolo di Azione non potrà esserci in quanto ci sono i 5stelle».

Post Facebook Carlo Calenda a Padova maggio 2022-2

Post Facebook Carlo Calenda a Padova 17 maggio 2022

A Verona la coalizione a sostegno di Tommasi vede Azione al fianco di Più Europa, mentre i Cinque Stelle hanno dei candidati inseriti direttamente nella lista "Damiano Tommasi Sindaco". Insomma, a differenza che a Padova, Carlo Calenda nel capoluogo scaligero parrebbe aver vinto la guerra a livello simbolico con il M5S, ma nei fatti, sostenendo Tommasi a sindaco della città, Azione si ritrova anche al fianco dei pentastellati. Così, il segretario di Azione, durante la sua visita a Verona si è lasciato andare ad alcune uscite polemiche verso l'inviso M5S «che dice di no a tutto», naturalmente in perfetto stile calendiano, costringendo dunque il povero Damiano Tommasi a dover correre ai ripari.

Elezioni M5S Tommasi-2

Elezioni Veroa M5S Damiano Tommasi

In una nota ufficiale di Rete!, infatti, vengono riportate alcune afferrmazioni del candidato sindaco Damiano Tommasi «in seguito alle dichiarazioni rilasciate da Carlo Calenda ad alcune testate giornalistiche». Il candidato sindaco di Rete! precisa: «Calenda? Per Verona abbiamo un progetto largo e le vicende nazionali devono passare in secondo piano. A un mese dal voto, come è naturale che sia, si iniziano a mettere sul tavolo le questioni più spinose e strumentalmente più rumorose - sottolinea Tommasi -. Il M5S con convinzione ha aderito alla proposta che Rete! ha messo in campo per Verona. Ci saranno, nella forma che abbiamo trovato più adeguata per valorizzarne il supporto dentro una coalizione ampia nella Lista Damiano Tommasi Sindaco».

Lo stesso Damiano Tommasi quindi aggiunge: «La più importante partita non si gioca dentro la coalizione ma al di fuori, per far sì che Verona volti pagina il prima possibile. Sabato - conclude il candidato sindaco di Rete! - sarà in città il ministro Federico D'Incà a conferma che la nostra proposta accoglie un largo consenso che deve essere costruttivo, propositivo e soprattutto il più ampio possibile. Per Verona e per le cittadine e i cittadini che aspettano da troppo tempo».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calenda strappa con M5S, Tommasi prova a ricucire: «L'obiettivo comune è far cambiare pagina a Verona»

VeronaSera è in caricamento