Politica Centro storico / Piazza dei Signori

Si allontana l'accordo tra autisti-bigliettai e Atv: "Mancano le modifiche necessarie"

Il segretario Ugl Tlp frena sulla possibile intesa con l'azienda: "Anche ieri in fase di discussione sono state sviscerate e dimostrate tutte le distorsioni e problematiche che l'accordo presenterebbe ancora sia in fase di programmazione che in fase di attuazione"

L'accordo sembrava essere vicino, stando a quanto riportato dalla stampa locale, secondo la quale Atv e autisti erano oramai vicini a siglare la pace. Una nota diffusa dal segreatrio Ugl Tlp però sembra rimettere tutto in discussione. Da mesi oramai azienda e lavoratori sono ai ferri corti sulla questione dei conducenti-bigliettai, con quest'ultimi che dovrebbero controllare che i passeggeri dei mezzi pubblici siano provvisti di ticket e, in caso contrario, di venderne a coloro che risultino sprovvisti. La sperimentazione aveva preso il via su quattro linee, con l'azienda che ha parlato di un abusivismo in calo e di una certa soddisfazione dei lavoratori. 
Ecco quindi il messaggio diffuso dal segretario Alfio Stefano Pennisi, che invece va contro questa teoria: 

Si è tenuto nella giornata dell'8 Gennaio 2016 l'incontro con la direzione di A.T.V. e il D.G. S. Zaninelli per discutere l'accordo vendita e controllo titoli di Viaggio.

Secondo quanto già venduto da A.T.V. l'accordo sembrerebbe in fase di sottoscrizione, ma anche in fase di discussione sono state sviscerate e dimostrate tutte le distorsioni e problematiche che l'accordo presenterebbe ancora sia in fase di programmazione che in fase di attuazione.

Si è fatto presente infatti che solo su alcuni mezzi sono state apportate le necessarie modifiche tecniche (Telecamere, Pulsante Rosso Emergenza, Obliteratrice a vista conducente, ecc.) e che come da sempre lamentato dai lavoratori, i tempi di percorrenza, l'aumento da 36 a 39 ore dell orario di Lavoro, il prolificare incontrollato di fermate, il traffico sempre più in aumento e/o congestionato , il mancato rispetto del C.d.S. da parte degli utenti della strada e il futuro e conseguente aggravio dovuto al controllo dei titoli di Viaggio da parte dei conducenti alle fermate, ingolferebbero e peggiorerebbero ulteriormente il servizio reso ai cittadinanza.

Questo lamenta il Segretario U.G.L. Autoferrotranvieri di Verona Sig. Alfio Stefano Pennisi, promettendo che l'organizzazione che rappresenta, si impegna affinchè sarà garantito ai lavoratori di A.T.V. un accordo Vendita e Controllo Titoli quanto più possibile loro indolore e conveniente, e che al fine di dare voce e di consentire una approvazione definitiva e democratica dell'accordo, nonchè il rispetto della sovranità dei lavoratori, non ci si asterrà dal ricorrere ancora a Referendum.

Invitiamo al fine di una buona riuscita del progetto comunque fin da ora le istituzioni e proprietarie (Provincia e Comune) a impegnarsi al fine di realizzare tutte quelle opere sempre promesse e mai compiute (Corsie Preferenziali, Semafori intelligenti, P.le XXV Aprile,ecc.) e chiedendo loro inoltre qualora venga approvato l'accordo, di monitorare sull'operato e sulla effettiva applicazione della parte Tecnica & Sicurezza da parte di A.T.V.

Lunedì 11 Dicembre p.v. si terrà un ulteriore incontro dove speriamo e ci auguriamo si cercherà definitivamente di risolvere le distorsioni e le problematiche dell'accordo Vendita e Controllo Biglietti, e dove inoltre si inizierà anche discutere del Premio di Risultato A.T.V. 2015 e dell'accordo economico e normativo per la Nuova Squadra di Autisti-Verificatori che anche se in fase sperimentale dovrebbe garantire l'assistenza agli autisti e aumentare il controllo dei titoli su tutta la rete sanzionando i trasgressori/portoghesi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si allontana l'accordo tra autisti-bigliettai e Atv: "Mancano le modifiche necessarie"

VeronaSera è in caricamento