Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica Piazza delle Erbe

Crocifisso nella sede del Consiglio Regionale: la battaglia di Casali per riappenderlo

Il neo consigliere regionale ed ex vice sindaco di Verona Stefano Casali ha notato l'assenza del simbolo religioso in tutti i locali del Palazzo Ferro Fini a Venezia

Le elezioni regionali del 2015 in Veneto hanno portato in Consiglio Stefano Casali, ormai ex vice sindaco di Verona. La sua prima battaglia in aula riguarda il più importante simbolo religioso cristiano, il crocifisso, la cui presenza nei luoghi pubblici, in particolare nelle scuole, è al centro di accesi dibattiti negli ultimi anni. Il neo consigliere di opposizione ha notato l'assenza del crocifisso da Palazzo Ferro Fini, sede del Consiglio Regionale a Venezia.

Come riporta L'Arena, Casali ha dichiarato: "Ho notato con imbarazzata sorpresa che in tutto il palazzo del Consiglio regionale non esiste un solo crocifisso ed è un assenza grave: non sapevo che il segno di duemila anni di storia fosse stato espulso dalla più prestigiosa sede istituzionale del Veneto. So che questo mio stupore è condiviso da molti altri consiglieri e quindi ci faremo portatori, presso il presidente del Consiglio regionale Roberto Ciambetti e l'ufficio di presidenza del Consiglio regionale di una richiesta precisa affinché il crocifisso possa rientrare a Palazzo, collocato almeno in aula di Consiglio e nelle sedi delle commissioni consiliari".

Chissà se la richiesta di Stefano Casali verrà accolta e,quindi, se il suo primo intervento politico in Regione troverà riscontro, nonostante sia all'opposizione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crocifisso nella sede del Consiglio Regionale: la battaglia di Casali per riappenderlo

VeronaSera è in caricamento