rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

Arena: la Sinistra rimpiange Orazi

Duro attacco all'amministrazione e alla Fondazione Arena

Da Sinistra e Libertà e da Rifondazione comunista un nuovo attacco all’amministrazione e alla Fondazione Arena. “Il sovrintendente Francesco Girondini ‘arrabatta’ alla meno peggio una risposta alle contestazioni del nostro partito, minacciando querele contro quella che chiama propaganda spazzatura - dice il consigliere comunale dei Comunisti Italiani Graziano Perini -. Questo è un brutto segnale di nervosismo e copione già visto ai tempi di Orazi”. Sull’argomento Perini, accompagnato dagli esponenti di partito Fiorenzo Fasoli e Dino Facchini, consegna ai giornalisti un comunicato che porta il titolo: “Crisi gravissima dell’Arena, rimpiangeremo Orazi?”. Gli esponenti dei Comunisti Italiani e di Rifondazione domani sera, in occasione della prima serata della stagione lirica, hanno in progetto un volantinaggio per far conoscere il loro punto di vista sulla Fondazione e su come l’amministrazione Tosi stia gestendo l’Arena. La critica si rivolge alla produzione musicale extralirica, al buco finanziario, a Verona Extra e riservano un attacco diretto al sovrintendente Girondini. “Non ha alcuna competenza per fare il sovrintendente - tuona Fasoli -. Non credo sia in grado di scegliere un maestro d’orchestra”. “Semplicemente a Verona la Lega ha occupato solo le sedie senza puntare alle competenze - rincara la dose Facchini - e si vedono i risultati sulla cultura: si arriverà alla chiusura di Mondadori, alla vendita dei palazzi museali e a sentire solo musica rock in Arena”. Un dato, poi: “Negli anni 90 gli spettatori arrivavano a 650mila a stagione - conclude Facchini - l’anno scorso soli 485mila”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arena: la Sinistra rimpiange Orazi

VeronaSera è in caricamento