rotate-mobile
Politica Porto San Pancrazio / Via Porto San Pancrazio

Adige Docks, Bertucco: «Falsa partenza, il vero progetto è fermo in Provincia»

Il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune vorrebbe sottoporre la nuova opera ad una valutazione di impatto ambientale. Mentre il tosiano Bozza accusa l'amministrazione veronese di immobilismo

È partito il cantiere dell'Adige Docks in zona Porto San Pancrazio a Verona e venerdì scorso, 6 dicembre, il sindaco di Verona Federico Sboarina e l'assessore all'urbanistica Ilaria Segala hanno svolto un sopralluogo nell'area che dovrebbe essere rigenerata dai lavori e trasformata in una zona a vocazione sportiva, con strutture per praticare diverse discipline, ma anche negozi, punti fitness e punti ristoro e pure un Museo dello Sport.

Il termine dei lavori è fissato per il 2021, ma per l'opposizione veronese la partenza del cantiere è in realtà una falsa partenza. «Le opere di demolizione avviate sono legate ad un permesso a costruire del 2016, emesso per una valore dei lavori di appena 110 mila euro - ha spiegato il consigliere di Verona e Sinistra in Comune Michele BertuccoIl progetto vero è ancora fermo in Provincia, la quale si dovrà esprimere sulla sua assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale. Una pratica a cui i titolari del progetto e, irresponsabilmente, anche l'amministrazione comunale, vorrebbero sottrarsi perché li costringerebbe a misurarsi con il devastante impatto del mega centro sportivo sul vicino quartiere di San Pancrazio, ma anche sui quartieri limitrofi di Borgo Trieste e San Michele. Per non parlare della viabilità su viale Venezia e corso Unità d'Italia, la principale arteria viaria dell'est cittadino. Faremo tutto il possibile per costringere l'amministrazione e la proprietà dell'area a prendersi la responsabilità della riduzione di vivibilità a di salubrità che l'opera causerà ai quartieri est. Dopo lo Stadio, questa amministrazione vuol far danni anche qui».
Immobilismo è invece l'accusa mossa dai tosiani all'amministrazione comunale veronese. «Sono iniziati i lavori per la demolizione di parte dei fabbricati, ma per quanto riguarda l'inizio del cantiere relativo alla realizzazione del nuovo impianto ancora si registra un nulla di fatto, perché è tutto bloccato dal momento che la Segala per oltre due anni ha sottoposto i proponenti a lungaggini e continue richieste - scrive il consigliere Alberto Bozza - Con un'amministrazione seria, oggi il cantiere sarebbe ormai terminato e al sopralluogo odierno un altro sindaco avrebbe tagliato il nastro per inaugurare la conclusione dei lavori, non l'inizio di una demolizione».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adige Docks, Bertucco: «Falsa partenza, il vero progetto è fermo in Provincia»

VeronaSera è in caricamento